Fratelli d'Italia Lamezia: "Piano spiaggia: ultimo inganno alla Città" | Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online. Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Fratelli d’Italia Lamezia: “Piano spiaggia: ultimo inganno alla Città”

LAMEZIA TERME (CZ) – “Nei giorni scorsi, il Consiglio Comunale di Lamezia Terme ha approvato il piano spiaggia. Ora seguono i giorni tecnici per apportare le osservazioni tecniche; dopo, queste criticità ritorneranno in Consiglio Comunale e li si avrà la reale approvazione. La Città si doterà, si dice, di uno strumento importante per lo sviluppo urbanistico della costa.

Questa pratica è stata voluta e portata a tutti i costi alla discussione nel Consiglio Comunale, pur se incompleta ed errata, da un Presidente del Consiglio Comunale che vuole rivestire il ruolo anche di Sindaco e dettare l’agenda politica della Maggioranza.

Dispiace vedere esultare i consiglieri di minoranza, ma non ci meraviglia affatto visto che a votare contro è stato solo il capogruppo di Forza Italia Armando Chirumbolo. L’approvazione parziale di questo strumento non vede la soluzione dei problemi di tutta la costa lametina, lunga circa 8 chilometri, ma solo una parte di essa, e quindi di cosa parliamo? Di uno strumento che vede solo parzialmente lo sviluppo della stessa? E ci sono voluti tutti questi anni, per poi approvare una parte dello strumento? Un piano spiaggia slegato dal PSC che non indica dove dovrà sorgere il futuro porto turistico? E allora dove si trova la sfacciataggine di esultare?

Per capire quanto l’adozione del Piano Spiaggia sia un’offesa all’intelligenza dei lametini, e come sia pertinente la definizione che la montagna ha partorito un topolino, occorre precisare che cosa sarebbe dovuto essere il Piano Spiaggia. Questo strumento dovrebbe completare le scelte fatte con il PSC per gli otto chilometri di territorio costiero, in particolare villaggi turistici, insediamenti turistici, camping, strutture ricreative. Le scelte da fare per la fascia demaniale, sia quella boscata che l’arenile avrebbero dovuto essere il completamento funzionale dell’intera strategia. Tra l’altro l’elemento attorno al quale il tutto si sarebbe dovuto costruire è il porto turistico, deliberato anche dalla Regione Calabria.

Per mascherare ritardi, incapacità, incompetenza, e per entrare in campagna elettorale, si è voluto caparbiamente approvare qualcosa. Non avendo adottato il PSC, e comunque non avendo fatto nessuna scelta nella bozza di PSC per il tratto costiero, non si capisce in che termini si intenda sviluppare la costa, forse davvero con quattro stabilimenti balneari? Tra l’altro l’elemento di forza per lo sviluppo di Lamezia Città di mare è rappresentato dal Porto turistico che è stato stralciato da quanto approvato. Non solo, degli otto Km di costa il PCS ne tratta solo tre ed esclude anche tutta la zona boscata. Ma allora di cosa si parla? Cosa è stato approvato? Altro che topolino, è stata arrecata una ferita ai lametini presi in giro da una improvvisata maggioranza eventualmente da utilizzare come fiore all’occhiello o la ciliegina sulla torta per le prossime comunali. Se questi soggetti avessero un po’ di pudore dovrebbero chiedere scusa alla città e sparire dalla scena politica.

Gli stessi “papabili” candidati a Sindaco della città non hanno niente da dire? Così come anche il coordinamento del centro destra che sta cercando di individuare la persona giusta per guidare la città per i prossimi anni, su questo tema importante non esprime nessuna posizione? Si può far parte di uno schieramento politico che una parte vota a favore ed un’altra contraria? Quale la giusta visione per gli interessi della città e non dei singoli?

Un Sindaco, Gianni Speranza, che ha distrutto Lamezia, e noi ancora a sostenerlo quando egli non ha nessuna maggioranza naturale, ovvero quella uscita dalle urne? E perché ?

Fratelli d’Italia AN Lamezia considera questo ennesimo episodio come un ulteriore inganno alla Città portato avanti da un’armata brancaleone, da una politica fallimentare che non solo non porta sviluppo ed occupazione ma infierisce su un territorio “baciato da Dio”, ma deturpato dall’uomo, da chi tenta di fare politica ma incapace di vedere al di là del proprio naso.

E’ urgente una reazione a questo stato di cose, una reazione politica e culturale di un popolo che merita tutt’altra considerazione, ma costretto ad assistere ad uno degli ultimi atti di un tradimento che dura da decenni.

Fratelli d’Italia dice basta a questo imbroglio e a questo tipo di fare politica ed invita gli elettori a bocciare e cancellare elettoralmente, nelle prossime elezioni, un’accozzaglia politica di incompetenti che ha lasciato dietro di sé solo macerie”.

Fratelli D’Italia A.N. Lamezia Terme

Commenta