Si è tenuto a Lamezia il primo incontro regionale della lista Tsipras | Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online. Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Si è tenuto a Lamezia il primo incontro regionale della lista Tsipras

primoincontro_tsiprasLAMEZIA TERME (CZ) – Grande partecipazione al primo incontro regionale della lista L’Altra Europa con Tsipras svoltosi ieri a Lamezia Terme. Presenti i rappresentanti dei comitati territoriali sorti spontaneamente in tutta la regione, delle associazioni e delle forze politiche impegnate attivamente nel progetto.Oltre agli interventi dei due candidati calabresi Tonino Perna e Mimmo Gattuso, si sono registrati, tra gli altri, quelli di Luigi Pandolfi (SEM Calabria), Francesco Campolongo (PRC Cosenza), Angelo Broccolo (SEL Cosenza), dell’ex senatore Nuccio Iovene. Non ha fatto mancare la sua presenza il sindaco di Lamezia Terme Gianni Speranza.

Si è discusso di come dovrà essere impostata la campagna elettorale, della necessità di veicolare un messaggio fortemente critico verso l’attuale modello di costruzione europea, della funzione che il sud dell’Europa, di cui la Calabria è parte integrante, dovrà avere nella costruzione di una alternativa all’Europa del rigore e del neoliberismo.

E’ stato comunicato che in Calabria sono state già raccolte circa 2000 firme per la presentazione della lista e che ciò testimonia dell’attenzione che si registra intorno ad essa.

“Oggi tutti si dichiarano contro l’austerità, a cominciare dal premier Renzi – ha detto Tonino Perna nel suo intervento – , ma il problema vero è che il debito, al punto in cui è arrivato, non è più ripagabile. C’è bisogno allora di una conferenza europea che ne cancelli una parte e ne ristrutturi un’altra. O si cancella il debito o c’è la fame”.

“C’è una specificità calabrese – ha dichiarato Mimmo Gattuso – che deve emergere in questa competizione elettorale. L’Europa è anche quella di fondi strutturali, che dalle nostre parti non vengono spesi o vengono spesi male”.

Commenta