Il 3 e 4 ottobre il Festival “Chitarre e oltre…” nel Chiostro dell’Abbazia di Corazzo e nel Castello Normanno di Maida · Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online. Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Il 3 e 4 ottobre il Festival “Chitarre e oltre…” nel Chiostro dell’Abbazia di Corazzo e nel Castello Normanno di Maida

Sabato  03 ottobre alle ore 19:00, nel Chiostro dell’Abbazia di Corazzo, e domenica 04 ottobre alle ore 18:30, nel Castello Normanno di Maida, l’Associazione Culturale Animula, nel quadro della programmazione prevista all’interno del Festival “Chitarre e oltre…”, proposto in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Carlopoli, l’Amministrazione Comunale di Maida, la Pro Loco di Maida, e finanziato dalla Regione Calabria nell’ambito del PAC Calabria 2014-2020  – “Interventi per la valorizzazione del sistema dei beni culturali e per la qualificazione e il rafforzamento dell’attuale offerta culturale presente in Calabria – Annualità 2019 – Azione 1 Tipologia 1.2. – “Eventi storicizzati di rilievo regionale”, presenta lo spettacolo “Fiabe di animali per quelle bestie degli umani”, con Maria Luisa Bigai – voce, Salvatore Biancardi e Gennaro Musella –  pianoforte a quattro mani.

Il programma proposto presenta tre importanti melologhi di autori classici e contemporanei quali  “Pierino ed il lupo” di S. Prokofiev,  “Storia di Babàr”di F. Poulenc,  “Guarracino”di G. Panariello. In caso di condizioni climatiche avverse lo spettacolo del 03 ottobre si terrà nella Chiesa Matrice di Santa Maria del Carmelo in p.zza Brutto a Carlopoli, quello del 04 ottobre nella Chiesa di San Nicola a Maida  
L’ingresso è libero.
Sarà possibile assistere agli spettacoli nel pieno rispetto delle norme sul covid, così come previsto per la partecipazione alle funzioni religiose, con accesso limitato  alla capienza possibile  secondo le norme di prevenzione  attualmente in vigore,
Obbligatorio l’uso della mascherina e il rispetto del “distanziamento sociale”.  

Commenta