Lamezia Terme, presentazione romanzo "La Nostra Nig" sul lungomare | Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Lamezia Terme, presentazione romanzo “La Nostra Nig” sul lungomare

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – L’incontro culturale intorno al romanzo La Nostra Nig, di Harriet E. Wilson, pubblicato da Lebeg Edizioni, inserito nel cartellone degli eventi estivi, Ciak, ripartiamo da Lamezia, promosso dallamministrazione comunale, ha animato una calda serata di mezza estate.
Dallo scorcio suggestivo del Teatro Emanuela Loi sul Lungomare Falcone-Borsellino, affacciato sul golfo di SantEufemia, poco dopo il tramonto di mercoledì 12 agosto, l’assessore allo Sport e Spettacolo del Comune di Lamezia Terme, Luisa Vaccaro, ha dato il benvenuto ai presenti e ha introdotto i relatori della serata: Giuseppe Villella, cotraduttore dellopera dallInglese, e il docente di materie letterarie Pasqualino Bongiovanni, coadiuvati dalle letture della dottoressa Laura Nicotera.
Il romanzo, che era già stato protagonista di un altro evento di questa rassegna nel centro storico dell’ex comune di Sambiase il 28 luglio scorso, è il primo romanzo scritto da una donna afroamericana e pubblicato negli USA (1859). La traduzione di questa prima edizione italiana è stata curata dal lametino Giuseppe Villella insieme a Mariacristina Cesa, traduttrice romana, e vanta lintroduzione, prestigiosa e profondamente autentica, a firma della poetessa americana Jaki Shelton Green (North Carolina Poet Laureate).
La serata ha visto la partecipazione di un pubblico attento e partecipe che ha apprezzato liniziativa lodando sia lo spessore culturale degli interventi, sia lo scenario suggestivo nel quale è stata organizzata.
Il progetto Ciak, ripartiamo da Lamezia continuerà dopo ferragosto con altri appuntamenti nelle tante location suggestive della città, spaziando dalla musica allo sport, dalle tradizioni popolari allenogastronomia, dal teatro alla letteratura.

Commenta