"Sambiase tra passato e presente.." Continua il viaggio nei versi in vernacolo di Ciccio Scalise | Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online. Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

“Sambiase tra passato e presente..” Continua il viaggio nei versi in vernacolo di Ciccio Scalise

ciccio_ScaliseLAMEZIA TERME (CZ) – Continua il racconto in versi della Sambiase di ieri e di oggi del vernacoliere lametino Francesco Scalise che, dopo la prima edizione di “Icica”, ha raccolto altre poesie nel volume “Sambiase e dintorni: si dicia” che sarà presentato sabato 10 gennaio alle 17.30 all’Istituto Comprensivo Nicotera-Costabile (Via Gramsci).

L’iniziativa, organizzata dall’associazione culturale InOper@ con la collaborazione dell’associazione culturale San Nicola e della Rivista “Storicittà”, sarà animata dalla performance musicale di Francesco Sinopoli e Gennaro Mendicino. A parlare dei componimenti di Francesco Scalise, moderati da Elena De Fazio, l’editore del libro Massimo Iannicelli, il professore Tommaso Cozzitorto, Padre Vincezo Arzente che ha scritto la prefazione del libro. In occasione dell’incontro, saranno proiettati video che raccontano la Sambiase di un tempo attraverso le immagini.

Poesie che raccontano la Sambiase di ieri e di oggi, aneddoti, luoghi, fatterelli che si sono tramandati da una generazione all’altro creando quel senso di comunità che oggi, nella più ampia cornice lametina, fa di Sambiase un quartiere ancora fortemente legato alla propria identità e alla propria storia. Questa la “Sambiase” descritta nei versi di Francesco Scalise, conosciuto come “Ciccio”, che già da qualche anno ha raccolto in un volume le tante poesie regalate negli anni ad amici e conoscenti. Poesie scritte di getto, senza un progetto letterario precostituito, che esprimono tutta la semplicità di un “operaio” prestato alla poesia, che ha voluto riempire con i versi il suo tempo libero e lo ha fatto con la libertà propria degli artisti e l’umiltà di chi guarda e racconta ciò che avviene con lo sguardo della gente semplice, della gente si incontrava per strada raccontandosi ciò che “si sentiva dire” quando ancora non c’erano i post e i tweet.

 

 

Commenta