Primo giorno di lockdown in Calabria, poca gente in giro e controlli. A Crotone e Reggio per protesta alcuni negozi sono aperti · Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online. Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Primo giorno di lockdown in Calabria, poca gente in giro e controlli. A Crotone e Reggio per protesta alcuni negozi sono aperti

Pochissime auto e poche persone per le strade. Il primo giorno di nuovo lockdown a Catanzaro passa così tra le lamentele dei commercianti, non sono quelli costretti a chiudere dall’ordinanza che impone la zona rossa in tutta la Calabria, ma anche di quelli le cui attività hanno avuto l’autorizzazione a tenere aperte le serrande. “Io ho aperto – spiega Angela, titolare di un negozio di abbigliamento da bambini – ma non c’è nessuno per strada. A chi dovrei vendere?”. Un concetto ripetuto da un fioraio, Salvatore, e da Claudia, titolare di un’attività che vende caffè: “Siamo qua ma non si vede un cliente. Ci chiediamo se convenga restare aperti”.
Su Corso Mazzini, la principale strada del centro di Catanzaro, il traffico, solitamente intenso sin dal mattino, oggi è quasi inesistente. Un’immagine che tuttavia non richiama quelle del lockdown del marzo scorso, quando la città era completamente deserta. Stamani, primo giorno del nuovo provvedimento, qualche auto passa, ma in ogni caso niente a che vedere con i giorni scorsi. Di prima mattina un po’ di movimento c’è stato, ma per la presenza del Convitto Galluppi, con le sue classi materne, elementari e di prima media ancora frequentate in presenza. Ma dopo che i genitori hanno lasciato i figli a scuola, il centro della città è andato via via svuotandosi, nonostante i bar si siano attrezzati per l’asporto ed il servizio a domicilio con il caffè servito su improvvisati divisori sistemati all’ingresso e consumato poi per strada, ma non nelle vicinanze del locale.
In un’atmosfera tetra nonostante la bella giornata di sole, si sente ancora la eco della protesta dei commercianti, che, impossibilitati a farla di presenza, l’hanno affidata ad una serie di cartelli apposti davanti alla Prefettura. “L’emergenza è durata otto mesi, adesso basta” e “La Calabria è alla fine, con la chiusura le diamo la botta finale” è scritto su due di essi. Ed i commercianti se la sono presa con la classe politica: “La Calabria è sana, i politici sono malati”. (ANSA).

Protesta a Crotone, negozi restano aperti
Né schiamazzi, né violenza. A Crotone la protesta contro il dpcm che dichiara la Calabria zona rossa va in scena lavorando. Nel primo giorno di lockdown, i commercianti crotonesi le cui attività sono tra quelle da tenere chiuse, hanno invece deciso di aprire i loro negozi nonostante i divieti. Una protesta spontanea, nata attraverso il tam tam sui social, che ha coinvolto il 70% delle attività commerciali nel capoluogo di provincia e che dovrebbe durare solo la giornata di oggi. Sono rimasti aperti soprattutto i negozi di abbigliamento, mentre bar e ristoranti, che pur organizzati per l’asporto (che non è vietato), hanno piazzato i tavolini in strada per accogliere i clienti.
“Crotone ha avuto il coraggio di protestare in modo silenzioso ma concreto contro l’istituzione della zona rossa – ha detto uno dei partecipanti all’iniziativa -. Nonostante il momento di crisi, le problematiche e le difficoltà che abbiamo, protestiamo con dignità facendo il nostro lavoro: restando aperti per non morire. Un plauso a tutti i colleghi che hanno avuto il coraggio, nonostante il pericolo di incorrere in multe e chiusure, di aprire i loro negozi. Dobbiamo essere orgogliosi di questa risposta. Penso che gli imprenditori abbiano dato l’esempio. Ci stanno arrivando anche plausi da colleghi della Lombardia che vorrebbero imitare la nostra iniziativa”.
Protesta anche chi ha deciso di restare chiuso obbedendo alle disposizioni governative, ma ha attaccato alle vetrine dei manifesti contro “un dpcm incomprensibile” e ribadendo di pagare colpe di chi ha gestito in questi anni la sanità calabrese.

A Cosenza poca gente e controlli per le strade
Traffico scorrevole e pochi cittadini per le vie della città. Si presenta così oggi Cosenza al suo primo giorno in ‘zona rossa’. Aperti solo gli esercizi commerciali consentiti e diversi posti di blocco dei carabinieri per controllare chi si sposta in auto. Per la maggiore parte si tratta di cittadini che sono fuori per lavoro o per motivi di salute. In fila davanti i supermercati o i negozi di alimentari per lo più persone anziane. Nessun affollamento a bordo degli autobus e anche il numero dei pendolari in arrivo dalla provincia con i mezzi pubblici è in calo. (ANSA).

A Reggio Calabria alcuni negozi aperti per protesta
A Reggio Calabria qualcuno ha deciso di violare le rigide restrizioni del lockdown. Alcuni negozianti, infatti, la cui categoria merceologica rientra tra quelle alle quali il DPCM Conte ha imposto la chiusura, hanno deciso lo stesso di alzare le saracinesche dei loro locali ed aprire al pubblico. Pochi, rispetto, comunque, rispetto al resto che si è adeguato alle normative anti-covid. Dpcm sostanzialmente rispettato in riva allo Stretto. Pochi clienti per chi ha rischiato e pochissime persone in giro, alle fermate dei pullman; traffico scarso lungo le arterie principali, e abbondante disponibilità di parcheggi, vero miraggio degli automobilisti nei giorni normali.
Bar e pasticcerie, hanno bloccato i loro ingressi: è vietato entrare, ma si può ordinare all’entrata per poi consumare tutto comodamente a casa. “Certo, non è come nei giorni normali – dice il titolare di una pasticceria sul viale Aldo Moro -. La perdita di clientela c’è, rispetto all’afflusso che avevamo quotidianamente davanti al banco. Tuttavia è necessario farlo per il bene di tutti. Speriamo che serva”.
Da questa mattina l’azienda di trasporto pubblico locale, l’Atam, in ottemperanza al Dpcm del 4 novembre 2020, e fino a nuove disposizioni, nell’ambito delle misure urgenti per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica, ha limitato la capienza dei propri bus al 50%. Ma molti pullman circolano con pochissima gente a bordo. (ANSA).

Commenta