Lettera aperta agli operatori sanitari dell’ospedale di Lamezia Terme e del territorio · Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online. Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Lettera aperta agli operatori sanitari dell’ospedale di Lamezia Terme e del territorio

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Riportiamo di seguito la lettera aperta a nome di Padre Giuseppe Ferrara, Cappellano “P.O. Giovanni Paolo II- Lamezia Terme” e Don Francesco Farina, direttore Ufficio Diocesano di Pastorale della Salute.

“Giunga il nostro pensiero sincero ai nostri cari operatori, soprattutto quelli che in questo momento sono ammalati.

Per quelli che sono in servizio; affetto, vicinanza, comprensione, consapevoli dei rischi che correte.

Vi diciamo grazie per la disponibilità che nonostante tutto dimostrate per i “fratelli infermi”. Tutto questo rappresenta una donazione totale e per questo non possiamo che essere riconoscenti.

Siamo consapevoli della debolezza e del senso di impotenza che ormai da tanto state sperimentando, come anche della stanchezza, delle paure e del senso di smarrimento!

Quello che ci sostiene, quello che deve sostenere tutti noi, è il sapere che la vita passa attraverso le vostre mani.

Preoccupazioni personali, familiari, sociali e ambientali per il lavoro che svolgete con dedizione, sappiate, sono anche le nostre preoccupazioni, le preoccupazioni della Chiesa intera.

Desideriamo e ci impegniamo a sostenervi: con la vicinanza, l’amicizia e non per ultima la nostra preghiera.

Siamo consapevoli che la vostra dedizione, ciò per cui vi state spendendo, è per una persona concreta, nella sua piena realtà. E’ un uomo, è una donna, prima di essere un paziente, e tutto questo è evidente.

Il nostro “GRAZIE” per tutto quello che fate.

Non per ultimo: siamo grati per la riservatezza e per il rispetto che portate e manifestate verso tutti gli ammalati che vi sono affidati.

Buona lotta, sempre certi della vicinanza di Dio!”

Commenta