Coronavirus, il Bollettino della Regione Calabria del 23 agosto: 1.398 (+8 rispetto a ieri) · Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online. Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Coronavirus, il Bollettino della Regione Calabria del 23 agosto: 1.398 (+8 rispetto a ieri)

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 142.878 tamponi.

Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.398 (+8 rispetto a ieri), quelle negative sono 141.480.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

– Catanzaro: 3 in reparto; 1 in rianimazione; 6 in isolamento domiciliare; 186 guariti; 33 deceduti.

– Cosenza: 3 in reparto; 33 in isolamento domiciliare; 437 guariti; 34 deceduti.

– Reggio Calabria: 3 in reparto; 51 in isolamento domiciliare; 280 guariti; 19 deceduti.

– Crotone: 1 in reparto; 5 in isolamento domiciliare; 116 guariti; 6 deceduti.

– Vibo Valentia: 4 in isolamento domiciliare; 82 guariti; 5 deceduti.

   Altra Regione o Stato Estero: 90.

  Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture e province che nel tempo sono stati dimessi.

Nei ricoveri segnalati presso l’Ospedale di Catanzaro, 3 sono nel reparto di Malattie Infettive; due provengono dalla provincia di Vibo Valentia, di cui una è ricoverata in malattie infettive, successivamente al parto cesareo; uno proviene da fuori regione, mentre un altro è stato trasferito al reparto di rianimazione dell’AOU.

Il caso rilevato a Cosenza è riconducibile al focolaio sardo. Il caso di Crotone è del CARA.

Il caso di Vibo è di fuori regione. I cinque di Reggio Calabria appartengono al focolaio “festa giovani”.

Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 5.864.

Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.

Commenta