ZFU: L'Amministrazione scrive alle imprese | Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online. Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

ZFU: L’Amministrazione scrive alle imprese

comune_lamezia_terme_vist2LAMEZIA TERME (CZ) – Il Sindaco di Lamezia Gianni Speranza, unitamente agli Assessori alle Attività Produttive Giuseppina Crimi e al Commercio e alle Problematiche delle Imprese Pierpaolo Muraca, ha scritto oggi una lettera informativa alle 307 imprese lametine ammesse al bando del Ministero per lo Sviluppo Economico. Nella lettera si dice : “ Il lungo iter delle Zone Franche Urbane, che si è trascinato per diversi anni, è finalmente arrivato a conclusione. Trecentosette piccole imprese operanti nell’area ZFU della nostra città avranno agevolazioni per alcune migliaia di euro sino a trentaseimila euro ( per la stragrande maggioranza di esse ) sulla base delle richieste presentate al Ministero dello Sviluppo Economico.

In questi anni abbiamo lavorato perchè la Zona Franca Urbana divenisse realtà, abbiamo predisposto i progetti di competenza dell’Amministrazione e insistito fino ad ottenere prima il riconoscimento e poi la dotazione finanziaria più alta della Regione.

Nove milioni e settecento mila euro saranno ora divisi tra tutte le trecentosette imprese ammesse al bando dal Ministero.

Si tratta di risorse di cui le imprese possono usufruire immediatamente, in un’unica soluzione o diluiti nel tempo anche fino a sette anni.

Una boccata di ossigeno in un momento di crisi economica e sociale profondissima.

Un altro importante risultato ottenuto con pazienza e tenacia dalla nostra città.

Ci auguriamo davvero possa essere utile alle vostre imprese, alle vostre famiglie, ai vostri dipendenti, alla nostra economia.

E’ la prima volta che si sperimenta in Italia una misura del genere e ci auguriamo che essa possa continuare nel futuro anche attraverso un rifinanziamento, da parte del Governo, di tali agevolazioni. Buon lavoro.”

Commenta