Licenziamenti Foderaro: il sindaco Speranza incontra i lavoratori e scrive a Prefetto e assessore regionale | Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Licenziamenti Foderaro: il sindaco Speranza incontra i lavoratori e scrive a Prefetto e assessore regionale

foderaro_incontro_sindacoLAMEZIA TERME (CZ) – Dopo l’incontro avuto al Comune questa mattina con i lavoratori e i loro rappresentanti sindacali il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, ha scritto al Prefetto, Raffaele Cannizzaro, e all’assessore regionale ai Trasporti, Luigi Fedele in merito alla chiusura della ditta Foderaro.“Questa mattina – ha scritto il sindaco al Prefetto – ho ricevuto i lavoratori della storica ditta Foderaro di Lamezia Terme che in questi giorni hanno ricevuto la lettera di licenziamento; nei giorni scorsi ho parlato anche con l’imprenditore. Venticinque famiglie dall’oggi al domani si troveranno senza mezzi per sostenere il proprio nucleo familiare. Lavoratori e sindacati mi hanno chiesto di fare da tramite con lei per la convocazione urgente di un tavolo di concertazione con i rappresentanti sindacali, i lavoratori, l’azienda e le istituzioni per cercare di costruire una soluzione che preveda una revoca almeno temporanea del licenziamento, considerando che nei periodi giugno-ottobre la ditta ha sempre prodotto e lavorato con numerosi passeggeri e incassi considerevoli. Nello stesso incontro è emerso un secondo punto importante ed alla base della difficoltà denunciate dalla ditta: quello relativo al credito che la Foderaro avanza dalla Regione che una volta incassato gli potrebbe permettere di continuare ad operare”.

All’assessore Fedele il sindaco ha sottolineato specificatamente questo punto che riguarda direttamente la Regione e il suo assessorato e nel chiedergli un incontro immediato, ha auspicato che Fedele possa, di fronte alla drammaticità della situazione che vivono le famiglie interessate e la ferita inflitta alla nostra comunità, adoperarsi per una positiva soluzione della vicenda.

 

 

 

Commenta