"Viaggio edonistico nei sapori": il grande chef Andrea Mainardi a Lamezia | Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

“Viaggio edonistico nei sapori”: il grande chef Andrea Mainardi a Lamezia

mainardi_chef_lameziaLAMEZIA TERME (CZ) – Sabato 17 alle ore 18 (Chiostro di San Domenico-Teatro Umberto) ci sarà il grande chef Andrea Mainardi. A Lamezia Terme, e nel cuore della Calabria, grazie al Progetto “Food@Life”, la Fondazione Mediterranea Terina sta realizzando uno strumento di concreto supporto al sistema agroalimentare regionale.Un’infrastruttura di ricerca capace di creare capitale umano ed occupazione qualificata, rendendo fruibili servizi scientifici e/p tecnologici innovativi in grado di garantire qualità, sicurezza ed autenticazione di prodotti alimentari, strumenti necessari per l’esaltazione delle potenzialità delle produzioni d’eccellenza e, nel contempo, per la lotta alla contraffazione alimentare, quell’agro-pirateria che mina quotidianamente la nostra salute e la nostra economia.

Di qualità ed eccellenze alimentari e della loro riconosciuta importanza nel campo dell’alta cucina, si discuterà in un vero e proprio “viaggio edonistico nei sapori”, con Andrea Mainardi, uno dei piu’ importanti chef italiani.

Sul filo della sua incredibile arte culinaria- che lo porta a sperimentare percorsi sempre nuovi e originali- Mainardi, che sarà intervistato da Raffaele Gaetano, darà concreta dimostrazione della sua “arte”, utilizzando prodotti alimentari della Calabria, di qualità garantita dai Laboratori della Fondazione Mediterranea Terina: sarà insomma un’esperienza esaltante, assolutamente da non perdere, con uno dei maggiori talenti del panorama culinario italiano.

Un modo innovativo per comunicare al grande pubblico come la ricerca e l’innovazione sono – e possono diventare- parte integrante e fondamentale della vita, della quotidianità.

L’evento sarà introdotto da Pasqualino Scaramuzzino, Commissario Straordinario della Fondazione Mediterranea Terina.

Commenta