Parte il progetto "Tener@mente Alzheimer Cafè": 13 incontri all'Impastato promossi dall'Arn | Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Parte il progetto “Tener@mente Alzheimer Cafè”: 13 incontri all’Impastato promossi dall’Arn

teneramenteLAMEZIA TERME (CZ) – Fare rete tra pazienti, familiari e operatori socio-sanitari, condividere esperienze di vita, realizzare attività di stimolazione cognitiva in un ambiente familiare dove, anche semplicemente prendendo un caffè insieme o ascoltando musica, si creano condizioni di benessere per le persone.Questi gli obiettivi del progetto “Tener@mente Alzheimer Cafè”, promosso dal Centro regionale per la ricerca neurogenetica e l’ Associazione per la Ricerca Neuorogenetica Onlus al via mercoledì 16 aprile alle ore 16 al Parco “Peppino Impastato”.

Il progetto – che vede tra i partner il Comune di Lamezia Terme, Arci Servizio Civile Lamezia Terme Vibo Valentia, Talìa Impresa Sociale – si articolerà in 13 incontri (7 maggio – 28 maggio – 11 giugno – 25 giugno – 16 luglio – 10 settembre – 24 settembre – 8 ottobre – 22 ottobre – 12 novembre – 26 novembre – 17 dicembre) fino alla fine del 2014, dando la possibilità a persone con disturbi di memoria, ai loro familiari e agli operatori socio-sanitari di stare insieme facendo quattro chiacchiere nel parco, bevendo il caffè, improvvisandosi nel tango, attività “quotidiane” orientate a creare un contesto di socialità e familiarità.

“Tener@mente Alzheimer Cafè” si ispira alle linee guida dell’ Alzheimer Cafè, progetto nato nel 1997 da un’idea dello psicogeriatra olandese Bere Miesen, poi ripreso in altri stati europei e in Italia, con l’obiettivo di creare un luogo di ritrovo, coordinato da personale qualificato, dove si incontrano persone che condividono lo stesso problema di salute e i loro familiari, in uno scambio reciproco in cui ciascuno diventa una risorsa per gli altri.

Alla base del progetto, la logica della “rete”, che rompe la solitudine e il disagio che spesso contraddistingue le persone affette da malattie neurodegenerative in fase iniziale e i loro familiari creando forme di collaborazione e aiuto reciproco che continuano oltre il tempo degli incontri.

Commenta