Roma, al Bambino Gesù “atterra” la Tac astronave contro il dolore dei più piccoli · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Roma, al Bambino Gesù “atterra” la Tac astronave contro il dolore dei più piccoli

mercoledì 21 ottobre 2015

tac_astronaveUna coloratissima “astronave medica” di 280 metri quadrati che riduce il ricorso all’anestesia per gli esami pediatrici e la “paura” nei pazienti più piccoli. Non è fantascienza, ma Astro-Tac, il macchinario di ultima generazione acquistato con i proventi della campagna “Ospedale senza dolore” e inaugurato nella sede di Palidoro dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma. Si tratta di uno strumento in grado di acquisire dati in tempi rapidissimi, anche inferiori a un secondo.

 La struttura – Tre gli ambienti principali: una sala Tac con annessi locale tecnico e postazione comandi, un’ampia “recovery room” e una sala d’attesa. Il macchinario e i locali sono stati decorati e allestiti secondo un progetto grafico che recupera la suggestione dello spazio. Il viaggio tra pianeti e costellazioni comincia già dalla sala d’attesa per arrivare al locale Tac, decorato come l’interno di una navicella spaziale. Durante la scansione, l’astronave conduce i bambini nello spazio, mentre lo staff medico saluta dall’oblò come fosse il “personale di Terra”.

Tecnologia super veloce – Per quanto riguarda la velocità degli esami pediatrici, si pensi ad esempio che scansioni di 16 centimetri del torace di un lattante vengono eseguite in 0,35 secondi. Non solo. Astro-Tac è due volte più performante rispetto al normale e produce immagini ad altissima risoluzione, il tutto con un bassissimo dosaggio di raggi X. Grazie alla tecnologia “multistrato”, inoltre, è possibile la visualizzazione dettagliata non solo degli organi interni del corpo umano, ma anche delle strutture vascolari.

(da Tgcom24)

loading...