Lamezia Terme, inchiesta “Fratelli d’acciaio”, per Manny Mercuri revoca della misura cautelare della interdizione temporanea dalle attività professionali · Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online. Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Lamezia Terme, inchiesta “Fratelli d’acciaio”, per Manny Mercuri revoca della misura cautelare della interdizione temporanea dalle attività professionali

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Il G.I.P. del Tribunale di Lamezia Terme dott.ssa Rossella Prignani, nell’ambito dell’inchiesta “Fratelli d’acciaio” della Procura della Repubblica di Lamezia Terme, che aveva portato all’esecuzione, negli scorsi giorni, di misure cautelari nei confronti di un noto imprenditore lametino e diverse altre persone per i reati di associazione a delinquere e di bancarotta fraudolenta, dopo l’interrogatorio di garanzia, ha ordinato l’immediata revoca della misura cautelare della interdizione temporanea dalle attività professionali ed imprenditoriali che era stata adottata per la dott.ssa Manny Mercuri, 47 anni, di Lamezia Terme, sorella del principale indagato.

La dott.ssa Mercuri è difesa dall’avv. Antonello Bevilacqua del Foro di Lamezia Terme e dall’avv. Nicola Carratelli del Foro di Cosenza. Nel provvedimento di revoca, a proposito della dott.ssa Mercuri, che, si ricorda, era indagata solo di concorso nella bancarotta di alcune delle società del fratello e non anche dell’associazione per delinquere pure contestata ad altri indagati, il G.I.P. ha riconosciuto la sostanziale estraneità dell’indagata alle attività societarie della famiglia, ritenendo “il narrato della donna […] credibile e sincero” ed affermando che “dagli stessi atti di causa è emerso un coinvolgimento della Mercuri Manny esclusivamente legato a vincoli familiari.” Soddisfazione è stata espressa dai due legali, i quali hanno rilevato che è stata immediatamente restituita serenità ad una donna fortemente scossa, sul piano personale, da quanto accaduto e dalla risonanza mediatica della vicenda e che è stata inoltre ripristinata la dignità di una professionista che esercita da anni, da tutti stimata, la sua attività di farmacista.

Commenta