Lamezia Terme, sequestrata cava abusiva e pala meccanica · Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online. Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Lamezia Terme, sequestrata cava abusiva e pala meccanica

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – A seguito di una mirata attività in località Bagni del comune di Lamezia Terme, la stazione Carabinieri forestale di Lamezia Terme e la stazione Carabinieri di Sambiase, hanno accertato la coltivazione abusiva di una cava di inerti, in una zona soggetta al vincolo paesaggistico-ambientale, in quanto ubicata a meno di 150 metri dal fiume Bagni e coperta anche da piante tipiche della macchia mediterranea.

In particolare i militari, hanno riscontrato che per l’esercizio dell’attività era stata presentata presso il competente ufficio del Comune di Lamezia Terme una semplice comunicazione per l’esecuzione di lavori di livellamento di terreno agricolo, mentre per l’esercizio dell’attività di cava sono necessarie altre e molto più complesse autorizzazioni amministrative e nulla osta.

E’ stato confermato un modus operandi, utilizzato molto spesso da ditte e imprese del settore, le quali, invece che acquisire preventivamente l’autorizzazione all’esercizio di attività di cava del competente ufficio cave della Regione e del permesso a costruire, presentano semplici comunicazioni che, in assenza di verifiche preventive e di controlli del comune e/o della Regione, consentono l’avvio dei lavori senza acquisire alcuna autorizzazione preventiva.

Dagli accertamenti, rilievi, misurazioni ed elaborazioni eseguite è risultato che l’area interessata dalla cava è superiore a 33.000 mq, e sono stati complessivamente prelevati circa 9.000 metri cubi di materiale inerte di considerevole valore economico.

Tutta l’area interessata dall’esercizio dell’attività di cava e la pala meccanica sono stati sottoposti a sequestro e i 2 soggetti coinvolti sono stati deferiti alla competente Autorità Giudiziaria per violazione della normativa in materia di cave ed urbanistico-edilizia e violazione delle norme di tutela del paesaggio e deturpamento di bellezze naturali.

Commenta