Cosenza, consuma alcolici senza pagare ed aggredisce due donne, 35 enne cosentino arrestato dai carabinieri | Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online. Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Cosenza, consuma alcolici senza pagare ed aggredisce due donne, 35 enne cosentino arrestato dai carabinieri

COSENZA – Questa mattina, i Carabinieri della Stazione di Cosenza Principale hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di misura cautelare emessa dall’ufficio GIP del Tribunale di Cosenza, su richiesta della locale Procura, che dispone gli arresti domiciliari nei confronti di un 35enne cosentino ritenuto responsabile del reato rapina aggravata.
I fatti per cui si procede risalgono allo scorso 25 luglio, quando l’uomo, dopo aver consumato diverse bevande alcoliche all’interno di un noto bar di Cosenza, si sarebbe rifiutato di pagare il dovuto ed avrebbe aggredito con schiaffi e graffi le due commesse, minacciandole di morte con un oggetto contundente. Lo stesso si è successivamente impossessato dell’incasso contenuto nel registratore di cassa, minacciando nuovamente le ragazze che tentavano di difendersi dalla vile aggressione.
Dopo i fatti accaduti, la proprietaria del locale si è rivolta ai militari del Comando Compagnia di Cosenza che hanno avviato un’accurata attività di indagine volta all’identificazione dell’aggressore, successivamente denunciato all’autorità giudiziaria. Da quanto ricostruito dai militari, il 35enne dopo aver esageratamente bevuto ha cercato di allontanarsi dal locale inseguito dalla barista. Lo stesso, dopo aver notato di essere seguito, ha da prima aggredito con schiaffi e graffi la donna e successivamente si è rintrodotto nel bar dove si è impossessato della somma di 30 euro contenuta nella cassiera, minacciando ed aggredendo anche l’altra barista.
L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato accompagnato presso il proprio domicilio dove dovrà permanere al regime degli arresti domiciliari.

Commenta