Feroleto Antico, due arresti e una denuncia per furto aggravato | Lamezia ClickLamezia Click

Lamezia Click Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Feroleto Antico, due arresti e una denuncia per furto aggravato

furto_feroletoFEROLETO ANTICO (CZ) – Nella corso del fine settimana i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile tratto in arresto ASAN Flrorin, 24 anni, e BAIARAM Mircea, 31 anni, e denunciato in stato di libertà B.P., 16 anni, cittadini rumeni, colpevoli di aver perpetrato un furto di cavi di rame all’interno dell’azienda TERNA RETE ITALIA sita in Feroleto Antico. Durante un normale posto di controllo notturno, i carabiniei, insospettiti da un furgone Renault Master di colore bianco avente targa straniera, hanno deciso di fermarlo per procedere ad un controllo dello stesso. Il mezzo, con a bordo i soggetti rumeni, anziché arrestare la sua marcia, improvvisamente ha accellerato cercando di far perdere le proprie tracce e di evitare quindi il controllo. Ne è scaturito un breve inseguimento per le vie cittadine che è terminato all’incrocio di via Tommaso Fusco, dove i soggetti vistisi ormai alle strette hanno tentato un’inutile fuga a seguito della quale sono stati finalmente bloccati ed identificati.

Nel corso della successiva perquisizione personale e sul veicolo sono stati rinvenuti, all’interno della parte cassonata del veicolo, circa 500 chilogrammi di cavi di rame unitamente a 1 tenaglia in metallo ed una tronchese, strumenti utili alla commissione del furto. Immediatamente tenuto conto del furto compiuto poco prima i fermati sono stati accompagnati presso gli uffici del Comando Compagna ed, a seguito del sopralluogo effettuato presso l’azienda di Feroleto, il minore è stato denunciato in stato di libertà, mentre i maggiorenni, entrambi con diversi precedenti anche specifici, sono stati dichiarati in stato di arresto e così come disposto dall’Autorità Giudiziaria, momentaneamente trattenuti presso le locali camere di sicurezza in attesa del rito per direttissima a seguito del quale è stato convalidato l’arresto ed è stata disposta per entrambi la traduzione presso la Casa Circondariale di Catanzaro.

 

Commenta