AgrariaUniRC, dal 27 marzo il ciclo di seminari promosso dalla Biblioteca . Presentazione del libro “Abbracciare gli alberi, con mille ragioni per piantarli e difenderli” · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

AgrariaUniRC, dal 27 marzo il ciclo di seminari promosso dalla Biblioteca . Presentazione del libro “Abbracciare gli alberi, con mille ragioni per piantarli e difenderli”

REGGIO CALABRIA – La Biblioteca del Dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria promuove un ciclo di seminari dal titolo “I paesaggi dei viventi” che si svolgerà dal 27 marzo fino al 16 novembre 2018.  L’iniziativa partecipa alla campagna nazionale “Il maggio dei libri 2018” e prevede la presentazione di volumi collegati da un comune filo tematico, attraverso l’incontro con gli autori. Il tema di quest’anno sottolinea l’importanza del paesaggio come luogo della vita e come sistema esso stesso vivente.
Il ciclo è articolato in tre seminari, che saranno tenuti da relatori di rilevanza internazionale, quali i professori Giuseppe Barbera (Università di Palermo) , Vittorio Ingegnoli (Università di Milano) e Mauro Agnoletti (Università di Firenze).

Il primo seminario martedì 27 marzo, ore 16.00, è incentrato sulla presentazione del libro “Abbracciare gli alberi” (Il saggiatore, 2017) e propone l’incontro con Giuseppe Barbera, professore di Colture arboree all’Università di Palermo e autore di numerosi libri di storia naturale, tra cui “Tuttifrutti. Viaggio tra gli alberi da frutto mediterranei, fra scienza e letteratura” (Mondadori 2007, Premio Grinzane Cavour). Recentemente egli ha curato il recupero del giardino Kolymbetra nella Valle dei Templi di Agrigento (Premio nazionale del Paesaggio 2017, Consiglio d’Europa).
Il libro di Barbera che viene presentato racconta il rapporto tra uomini e alberi, usando diverse chiavi di interpretazione. Sostiene l’Autore: “Piantare e difendere gli alberi non è affare soltanto degli arboricoltori, ma di chiunque abbia a cuore il futuro del pianeta. Vanno messe in campo non solo le risorse della scienza e della tecnica, ma anche quelle della creatività. Serve un patto tra uomini e alberi”.

Commenta