Il Circolo Scherma Lametino vice campione d’Italia. Gloria Davoli argento nella sciabola · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Il Circolo Scherma Lametino vice campione d’Italia. Gloria Davoli argento nella sciabola

Ottimi risultati per il Circolo Scherma Lametino del maestro Giuseppe Costanzo ai recenti Campionati Italiani Under 14 di Riccione. Sul proscenio ancora la promettente Gloria Davoli che si conferma atleta dal sicuro avvenire perdendo, anche quest’anno, in finale contro la ternana Flavia Astolfi stessa avversaria dello scorso anno conquistando così la medaglia d’argento.

Superata brillantemente la Grimaldi in semifinale, con un netto 10-4, gestendo sempre a proprio piacimento il match (6-2, 8-3), la Davoli è approdata in finale. Che è stata il replay del match dello scorso GPG di Riccione, rimettendo di fronte appunto Astolfi contro Davoli. Ebbene dopo un iniziale equilibrio (4-4), l’avversaria dell’atleta lametina del CSL ha subìto un parziale di 6-0, perdendo così 10-4. “Mentre in semifinale – spiega il maestro Costanzo – Gloria si è mostrata più fredda decidendo una tattica di parata e risposta, in finale invece ha privilegiato l’attacco. E però l’avversaria si è mostrata più esperta riuscendo a difendersi bene ed a contrattaccare in modo vincente. Tuttavia Gloria sta acquisendo la giusta esperienza e non potrà che migliorare, inoltre l’aver confermato il raggiungimento della finale è già una grande soddisfazione per tutto il Circolo Scherma Lametinooltre che per Gloria”.

Ma non solo Davoli, grande soddisfazione anche per altri due atleti della spedizione lametina ridottasi alla vigilia a sette unità, per la defezione di Sara Greco e Luca Viola. Si tratta di Alesio Piraina e Angelo Puija: il primo all’esordio, categoria Maschietti, è giunto 13esimo sfiorando l’ingresso nei primi otto. Ha perso la finale per 10-7 ma a sua scusante c’è l’aver gareggiato con una fasciatura per la distorsione della caviglia che ne ha ovviamente pregiudicato la performance. Altro risultato di spessore è quello ottenuto da Angelo Puija nella categoria Ragazzi: 15esimo dopo ben 5 vittorie su 6 nelle eliminatorie, sconfitto 15-7 in finale per entrare nei primi otto, perdendo un po’ di concentrazione nei momenti topici.

A seguire, in campo maschile 54° Pierpaolo Raffaele, 66° David Iannazzo e 69° Vincenzo Carnovale. Nel femminile, 34esima Syria Iannazzo che ha perso 15-13 in finale per entrare nelle prime sedici. “Alla fine posso dire che la fiducia mostrata alla vigilia da parte mia – aggiunge Costanzo – si è mostrata fondata: i ragazzi stanno crescendo, mostrando a distanza di un anno notevoli progressi, abbiamo fatto un ottimo lavoro. Resta del rammarico per Piraina e Puija ma sicuramente anche loro faranno ancora meglio in futuro. Serve sempre impegnarsi e lavorare bene in palestra ed i risultati arriveranno. Un ringraziamento va a tutto lo staff del Circolo, in primis all’istruttore regionale Domenico Saladino, oltre che ai tanti genitori dei nostri piccoli sciabolatori, sempre presenti e vicini al Circolo Scherma Lametino che ci supportano con grande pazienza e disponibilità”.

Prossimi appuntamenti già domani, venerdì 24 maggio, a Lecce per i Campionati Italiani Cadetti (classi 2002/2004) col CSL che schiererà Ezio Palmieri, già nei primi 42 d’Italia. Quindi il 6 giugno a Palermo grande attesa per il ritorno in grande stile, quale tesserata del Circolo Scherma Lametino (dopo aver gareggiato per l’Aeronautica Militare), della pluridecorata campionessa Italiana e lametina Alessandra Lucchino: parteciperà infatti ai Campionati Italiani Assoluti di sciabola.

PREMIO. A margine dell’evento tricolore, altro riconoscimento indiretto al CSL: infatti l’arbitro Internazionale Gianmarco Costanzo (figlio d’arte, il papà Roberto è stato consigliere federale della scherma, membro della commissione internazionale ed ex arbitro) è stato insignito del premio “Silvia Pierucci” 2019 in qualità di miglior arbitro giovane della stagione, sulla base di quanto disposto dalla Commissione Arbitrale e dalla famiglia della compianta collega livornese Pierucci.

Commenta