La Xiao Long Wushu School di Lamezia Terme conquista ancora il podio in occasione dell’ 11° Torneo Drago di Primavera · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

La Xiao Long Wushu School di Lamezia Terme conquista ancora il podio in occasione dell’ 11° Torneo Drago di Primavera

bty

Sabato 8 e domenica 9 aprile Vibo Valentia ha ospitato l’immancabile appuntamento annuale con il kung fu: il Torneo Drago di Primavera, gara valida per la selezione degli atleti che parteciperanno alle finali nazionali del Campionato MSP. L’agguerrita competizione, organizzata dalla IWA (Italian Wushu Academy) del Maestro Caposcuola Massimo Scalzo, ha visto sfidarsi centinaia di atleti del sud e centro Italia accomunati dallo studio e dalla passione per le arti marziali cinesi.

La scuola Xiao Long di Lamezia Terme, sotto la guida del Maestro Nicola Cosentino, ha confermato il suo valore portando sul podio due suoi allievi. Samuele Gigliotti, 16 anni, plurimedagliato nelle ultime tre edizioni del torneo e attuale campione nazionale in carica, ha conquistato il secondo posto nella categoria “kung fu tradizionale a mani nude” e il terzo posto al suo esordio nella categoria “combattimento tradizionale”. Massimo Sereno, 52 anni, al suo esordio nell’agonismo si è invece aggiudicato tre medaglie d’oro gareggiando nelle categorie “kung fu tradizionale a mani nude”, “sciabola nan quan” e infine “bastone nan quan”.

Il Maestro Nicola Cosentino si dice molto orgoglioso dei suoi allievi e aggiunge “questi risultati sono il frutto del nostro duro lavoro. Samuele e Massimo sono due splendidi esempi di tenacia e dedizione, nonché la dimostrazione che davvero il kung fu non conosce età e limiti di alcun tipo, a fare la differenza sono la determinazione, la passione e l’abnegazione con cui si studia questa disciplina. Le gare sono una splendida occasione per gli atleti per confrontarsi, socializzare e mettersi alla prova ma, una volta terminate, a prescindere dal risultato, bisogna tornare in palestra e lavorare sodo per quello che è il vero fine ultimo del kung fu: salvaguardare l’incolumità della propria persona e  il raggiungimento del perfetto equilibrio fra benessere fisico e mentale!”.

Commenta

loading...