Il Roccella sbanca il d’Ippolito al 93′, Vigor nei guai · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Il Roccella sbanca il d’Ippolito al 93′, Vigor nei guai

domenica 6 marzo 2016

roccella_vigorLAMEZIA TERME (CATANZARO) – Un gol al 93′ messo a segno da Minici condanna la Vigor Lamezia ed il Roccella viola il D’Ippolito dopo una serie positiva casalinga della Vigor che durava da novembre. Gelbison che resta comunque ad un punto dai lametini vista la sconfitta di Vibo, ma pur sempre con una partita in meno. Le speranze potrebbero riaccendersi se nella giornata di domani il Tribunale Federale dovesse restituire alla truppa di Gatto i due punti di penalizzazione.

PRIMO TEMPO

La Vigor ha la sua prima occasione dopo sette minuti, eccezionale apertura di Giannusa sulla sinistra per Priorelli il quale, rientrando sul destro, colpisce solo l’esterno della rete. Subito dopo arriva la prima ammonizione per il Roccella, il giocatore sanzionato è Cinquegrana. Al 13′ locali ancora in avanti, il colpo di testa di Itri però non inquadra la porta. Al 23′ Roccella pericolosamente in area vigorina, il cross rasoterra di Dorato non trova nessuno e Marino può far suo questo pallone. Partita fino alla mezz’ora di gioco tutto sommato noiosa, nessuna delle due squadre infatti riesce ad imbastire serie azioni d’attacco e non vuole scoprirsi più di tanto. Al minuto 35 succede di tutto in area dei padroni di casa, serie di batti e ribatti, rimpalli a non finire, prima che l’assistente segnali il fuorigioco di Fiorino ponendo fine all’azione. Al 38′ gli ospiti provano da fuori area a cercare la via del gol ma il tiro di Fiorino termina fuori, con Marino che controlla con lo sguardo l’uscita della sfera. Si arriva al 45′ esatto senza che le due squadre costruiscano alcuna occasione degna di nota, nessun minuto di recupero concesso dal signor Perenzoni e dunque le due squadre vanno a riposo.

SECONDO TEMPO

Le squadre si ripresentano in campo senza modifiche: né Gatto né Galati hanno apportato cambi nei loro undici. La prima conclusione del secondo tempo è del Roccella e più precisamente di Laaribi ma quest’ultimo da distanza siderale non inquadra la porta. Successivamente da venti metri punizione battuta da Giannusa, pallone che sbatte sulla traversa e termina in corner. Ancora Laaribi per gli ospiti, pallone ancora impreciso che finisce alto. Al 55′ arriva il momento tanto atteso, esordisce con la maglia vigorina l’italo-marocchino Essabr, al posto di Fioretti, poco prima della sostituzione la Vigor si era fatta vedere in avanti con il tiro al volo, impreciso, di Giannusa. Al 58′ primo cambio anche per gli ospiti, entra, al posto di Cinquegrana, peraltro ammonito nel primo tempo, il numero 13 Sorgiovanni. Nota negativa per la Vigor Lamezia al 63′, infatti il direttore di gara allontana, per qualche protesta di troppo, l’allenatore bianco verde Gatto. Cianci una manciata di secondi dopo va vicinissimo alla marcatura con un colpo di testa ma Mittica blocca il pallone. Partita che scorre senza troppi patemi fino al 76′, quando la Vigor adopera l’ultimo cambio a disposizione, al posto dell’ammonito Castellano entra Spanò. A dieci minuti dal termine occasione su calcio piazzato per Laaribi dalla destra, il suo tiro a giro sbatte sull’esterno della rete. All’86’ Priorelli dal limite dell’area tenta la via della rete ma il suo rasoterra è ben bloccato da Mittica. Al 93′ arriva la doccia fredda per i tifosi vigorini, infatti sugli sviluppi di una punizione arriva la conclusione da fuori area di Minici che trafigge Marino. Con qualche tensione di troppo la partita sia avvia verso la conclusione che arriva al minuto 95, a fine partita animi particolarmente accesi e provvedimento disciplinare dell’arbitro ai danni di Spanò, per il numero 19 bianco verde infatti a partita finita è stato estratto il cartellino rosso.

Galati (all. Roccella):  “La partita era da 0-0. Noi siamo venuti qua cercando di non perdere, Minici ha trovato il tiro della domenica, ma la partita era incanalata sullo 0-0. Magari marino non ha visto il pallone partire ed è stato un po’ in difficoltà. Noi siamo una squadra formata da ragazzi, solo qualche ragazzo ha fatto la D, il resto promozione e prima categoria, siamo quasi come il Lamezia dal punto di vista dell’età. Oltre alle partite ravvicinate ha influito la pesantezza del campo e la tensione delle due squadre. A fine gara c’è stata qualche parola di troppo, ma può succedere.  Siamo riusciti a vincere nonostante il buon percorso in casa che stava facendo la Vigor, Minici ha avuto l’occasione e l’ha sfruttata.”

Gatto (all. Vigor Lamezia): “Oggi non abbiamo messo la verve delle altre partite ed abbiamo incontrato una squadra ospite molto agguerrita. Non ho nulla da rimproverare ai ragazzi perchè ci hanno messo l’anima come sempre, il tiro di Minici è stato il classico tiro della domenica. Non ci siamo fasciati la testa in momenti peggiori e non ci piangiamo addosso ora. Noi non guardiamo le altre, in casa nostra c’è molta difficoltà e stanchezza, è inutile negarlo ma già dalla prossima partita cercheremo di portare i tre punti a casa. È stata una gara che dovevamo fare nostra, nei primi venti minuti avevamo iniziato bene ma c’è stato sempre un Roccella granitico e hanno cercato di portare punti a casa a denti stretti. Non abbassiamo in alcun modo la guardia e non molleremo, cercheremo di mantenere sempre l’attenzione alta in queste cinque partite restanti. Arrivati però a questo punto del campionato sarei ipocrita nel dire che guardiamo solo in casa nostra, mi auguro una sconfitta per le squadre avversarie. Per quanto riguarda l’espulsione finale di Spanò non so bene cos’è successo, ne riparleremo martedì alla ripresa degli allenamenti. Ci aspettiamo che domani la corte federale ci faccia un “regalo”, ovvero ridarci i due punti di penalità. I tifosi ci stanno dando una grandissima mano e siamo dispiaciuti per loro perchè oggi loro meritavano questa vittoria, noi promettiamo tutto quello che abbiamo dentro per cercare di renderli felici insieme a noi.”

Giuseppe Mercuri

VIGOR LAMEZIA: Marino, Lettieri (53′ Torcasio), Malerba, Guttà, Cianci, Itri, Golia, Castellano (76′ Spanò), Fioretti (54′ Essabr), Giannusa, Priorelli. (Fazzino, Anile, Varricchio, Iannazzo, Manganaro, Perri). ALL: Gatto.

ROCCELLA: Mittica, Mallamaci, Diop, Cinquegrana, Minici, Coluccio, Johnson, Carrozza, Dorato, Laaribi, Fiorino. (Loccisano, Sorgiovanni, Krasniqi, Khanfri, Ventimiglia, Ciccone, Serafino, Cordova, Cioffi). ALL: Galati.

ARBITRO: Daniele Perenzoni di Rovereto. ASSISTENTI: Luigi Runza di Siracusa e Martina Bovini di Ragusa.

AMMONITI: Lettieri, Guttà, Itri, Golia e Castellano per la Vigor Lamezia; Cinquegrana per il Roccella.

ESPULSI: Spanò per la Vigor Lamezia.

ANGOLI: 4-2 per la Vigor Lamezia

SPETTATORI: 500 circa.

NOTE: al 63′ viene allontanato Gatto per proteste.

 

loading...