Lamezia, Davide Nicolazzo (FI): “La terna commissariale, in 16 mesi, non è stata in grado di portare a completamento il bilancio” · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Lamezia, Davide Nicolazzo (FI): “La terna commissariale, in 16 mesi, non è stata in grado di portare a completamento il bilancio”

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – “Dal 31 marzo 2019 il Comune di Lamezia Terme, a motivo della mancata approvazione del Bilancio di previsione entro i termini prescritti dal T.U.E.L., si trova in esercizio provvisorio (previsto dall’articolo 163 del T.U.E.L.). Dopo il ricorso dell’Avvocatura di Stato, con richiesta di sospensiva inaudita altera parte, accolto dal Ministro degli Interni, i Commissari hanno fatto rientro negli uffici comunali per completare quell’opera descritta dall’Avvocatura stessa “di risanamento della macchina amministrativa”. Come se ciò non bastasse, il Consiglio di Stato ha confermato la sospensiva rinviando al 19 settembre prossimo la discussione sul merito dello scioglimento”.

E’ quanto sostiene in una nota Davide Nicolazzo, Responsabile Programmazione Economica e Finanziaria di Forza Italia.
“Come Forza Italia – scrive – abbiamo sempre dimostrato la vicinanza alla terna commissariale in quanto le difficoltà nei primi tempi potevano essere facilmente riscontrate; ma ci domandiamo come sia possibile che la giunta Mascaro in poche settimane sia riuscita ad approvare una serie di delibere necessaria per l’approvazione del Bilancio previsionale 2019 mentre la terna commissariale, in 16 mesi, non sia stata in grado di portare a completamento il bilancio entro i termini prescritti, evitando di far trovare il comune in “esercizio provvisorio”.”
“Se questa è l’opera di risanamento – aggiunge Nicolazzo – efficacemente intrapreso dalla Commissione, preferiamo quell’Amministrazione (a nostro avviso) ingiustamente allontanata nonostante l’investitura popolare ottenuta nel 2015 attraverso le elezioni comunali.
Sforare anche l’eventuale gestione provvisoria sarebbe un serio problema che esporrebbe la città ad un nuovo baratro sancito dal T.U.E.L. per i Comuni inadempienti, ovvero il commissariamento e lo scioglimento.
Sottolineato ciò, se la situazione non fosse drammatica (e purtroppo lo è) ci verrebbe tragicomicamente da domandarci: la mancata approvazione del bilancio condurrà al commissariamento dei commissari?”

Commenta