L’Udc si prepara per le prossime tornate elettorali. Talarico: “La nostra lista farà parte della coalizione di centrodestra” · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

L’Udc si prepara per le prossime tornate elettorali. Talarico: “La nostra lista farà parte della coalizione di centrodestra”

FEROLETO ANTICO (CATANZARO) – Dopo la pausa estiva la direzione calabrese dell’Unione di centro si è riunita in un hotel di Feroleto Antico sotto la guida del segretario regionale del partito Francesco Talarico.

Ha introdotto i lavori il presidentedello Scudo crociato calabrese Gaetano Bruni, il quale ha ribadito che “l’obiettivo dell’incontro è la riorganizzazione del partito in vista delle prossime e importanti competizioni elettorali: elezioni provinciali, europee, regionali e comunali dell’anno prossimo. Un anno importante nel quale l’Udc dovrà organizzarsi per tempo sull’intero territorio della nostra regione con una presenza capillare”.

Nel corso dell’incontro sono stati nominati i nuovi coordinatori provinciali di Cosenza che sono Peppino Bitonti e Piero Lucisano; Antonio Scuticchio è il nuovo responsabile per l’Ambiente. Nominato anche il vicesegretario regionale che è l’On. Luigi Fedele che guiderà anche il dipartimento organizzativo. Fedele ha anche focalizzato l’attenzione sulle amministrative che interesseranno Reggio Calabria e sul lavoro di radicamento del partito che dovrà essere fatto nella Città dello Stretto. “Dobbiamo costruire una lista forte per le prossime regionali, una squadra che porti avanti i valori fondanti dell’Udc che sono i valori del centro moderato”.

Così il segretario regionale Franco Talarico che ha sottolineato: “La nostra lista sarà nella coalizione del centrodestra; nel nostro programma ci saranno le grandi emergenze calabresi a partire dalla sanità oltre a settori decisivi per il futuro della nostra regione agricoltura, turismo infrastrutture, completamente abbandonati dal governoregionale guidato da Mario Oliverio. Per quanto riguarda – ha rimarcato Talarico – l’individuazione del candidato alla presidenza della Regione. Non dovrà essere un uomo solo al comando ma espressione di una squadra coesa”. Il segretario ha comunque tenuto a precisare: “In ogni caso, prima del toto-nomi,dobbiamo pensare a mettere in campo una coalizione di centro destra per capire chi siamo e per costruire un programma partecipato che miri alla risoluzione dei problemi della nostra Calabria; non vogliamo divisioni deleterie o personalismi all’interno della coalizione. Dobbiamo ritrovarci tutti su punti convergenti per un programma di reale rilancio di una regione che è in affanno, che annaspa un po’ in tutti i settori: problematiche che l’amministrazione Oliverio ha aggravato fortemente”.

La direzione dell’Udc ha anche attenzionato una imminente scadenza e cioè le elezioni provinciali di Catanzaro e di Vibo Valentia. Per la provincia di Catanzaro l’Udc sosterrà a presidente il sindaco della città capoluogo Sergio Abramo “che si è sempre dimostrato un ottimo amministratore alla guida del capoluogo di regione. A Vibo Valentia stiamo lavorando su un nostro candidato Marco Martino segretario nazionale dei giovani e sindaco di Capistrano. Il nostro è un partito moderato che ha a cuore i giovani, la famiglia, lo sviluppo produttivo col sostegno alle imprese – ha tenuto a evidenziare il segretario Talarico – L’Udc dice ‘no’ al populismo demagogico che sta contrassegnando la politica in questi ultimi anni; ‘no’ alle derive demagogiche che a tutto mirano tranne che al bene comune”.

“Abbiamo il tempo per riorganizzarci e ripartire – ha concluso Talarico – per ridare slancio e vigore ad un’intera regione che continua a perdere occasioni importanti come l’utilizzo dei fondi Ue”.  L’Udc dunque rinserra le fila, coordina attività e iniziative lavorando in prospettiva non solo per i prossimi appuntamenti elettorali ma per affrontare problemi e criticità che affliggono l’intero territorio calabrese dove in questi anni sono aumentate la disoccupazione e l’emigrazione sanitaria.

 

Commenta

loading...