A Lamezia la prima assemblea Pd dopo elezione nuovi organismi · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

A Lamezia la prima assemblea Pd dopo elezione nuovi organismi

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Si è tenuta nei giorni scorsi la prima assemblea, a seguito dell’elezione dei nuovi organismi, presso il Circolo “Primerano” del PD di Lamezia Terme.

L’incontro è stato aperto dalla relazione iniziale del neo segretario Antonio Gatto il quale ha posto l’accento su diversi punti affermando che “mi accingo a guidare questo circolo prendendomi oneri e onori. I circoli nella nostra comunità assumono, oltre che un ruolo politico, anche un ruolo sociale. Un luogo dove non solo bisogna discernere le direttive e le strategie politiche ma nel quale c’è la necessità anche di ascolto e di raccolta delle istanze della base ed in particolar modo dei giovani. E chi come me ha portato avanti il gruppo giovanile di questo partito, battagliando e stando sempre in prima linea, conosce appieno le necessità di dialogo e confronto cui necessitano le nuove generazioni.

Lo scenario politico in cui viviamo non è dei migliori. In un mondo che cerca di evolversi sempre di più, si nota con stupore come purtroppo vengano ancora alimentati certi estremismi e come crescano populismo e qualunquismo. A tutto ciò noi dobbiamo dare delle risposte serie e vere come d’altronde è d’obbligo per il Partito che governa questa Nazione e non solo.

E di fronte a tutto ciò non possiamo tirarci indietro.

Oggi serve ricostruire il nostro partito che per anni è stato strumentalizzato e bistrattato da chi lo ha considerato un oggetto di proprietà servendosene per scopi personalistici. Sarà mio compito ed obiettivo, dunque, non solo lavorare insieme a tutti voi, nell’ottica della condivisione, per ristabilire la credibilità ma anche lottare per perseguire l’Unità della nostra realtà politica contro chi cerca di imporre in maniera impropria qualsivoglia decisione politica. E tutto ciò non può realizzarsi se non si inizia dal superamento di vecchie logiche e di vecchi schemi: in sintesi, occorrono volti nuovi ma senza la frenesia del rinnovamento fine a se stesso bensì con un mix di giovani e adulti capaci.

Il nostro impegno deve essere anche quello di risollevare le sorti della nostra città. Siamo l’unico partito che, se ben organizzato, ha le facoltà e le carte in regola per poterlo fare. Tutto ciò anche alla luce della situazione difficile che l’ente comunale sta attraversando in questi mesi. Situazione di difficoltà culminata con la triste ufficialità dello scioglimento in merito al quale il Partito ha sempre fatto sentire la propria voce prendendo le distanze da qualsivoglia influenza criminale o mafiosa nell’agire politico.

Dovremo far sentire la nostra voce. E dovremo farla sentire con i nostri avversari politici ma anche con i nostri amici e compagni di partito se necessario. Dobbiamo rivendicare, rispetto ad ogni livello istituzionale, una maggiore attenzione verso il nostro territorio e verso quei temi di importanza collettiva come ad esempio, tra gli altri, la Sanità, le infrastrutture e i trasporti, l’ambiente e chi più ne ha più ne metta.

Le sfide sono tante e le capacità non ci mancano. Solo agendo da vera classe dirigente e con una sana dose di onestà intellettuale riusciremo ad ottenere questi buoni propositi.

Essere il nuovo segretario del circolo “Primerano” di Nicastro, un circolo storico cui hanno fatto parte tra i più grandi personaggi della storia politica lametina, ribadisco è per me un onere e un onore. L’invito che in chiusura rivolgo ai tesserati è quello di aiutare me e il direttivo che guiderò per il bene del partito: criticateci nei momenti facili per spronarci a fare meglio ma stateci vicino nei momenti di difficoltà per superare insieme le difficili fasi che questo partito attraverserà e che ha sempre attraversato”.

L’assemblea, molto partecipata, è poi continuata con numerosi interventi nei quali si è ribadita la ferma contrapposizione del PD nei confronti delle mafie e si è sottolineato come occorra rispetto verso le istituzioni. Tra i punti della discussione anche le nuove linee politiche del partito e gli obiettivi da perseguire. “È apparso chiaro a tutti come il PD abbia bisogno, a livello locale come a livello nazionale, di una forte e decisa sterzata. Tutto ciò per far sì che il Partito recuperi il terreno perso nel far fronte alle problematiche sociali. Accanto a questo si evince anche un certo ottimismo perché, oltre ad una sana dose di autocritica, è con orgoglio che il PD rivendica i tanti risultati ottenuti con le riforme di carattere nazionale”.

Commenta