Gestione servizio idrico, raccolta firme promossa da ACU-Calabria ed Azione Identitaria Calabria · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Gestione servizio idrico, raccolta firme promossa da ACU-Calabria ed Azione Identitaria Calabria

venerdì 6 ottobre 2017 - 15:39
Print Friendly, PDF & Email

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Avrà inizio sabato 7 ottobre su c.so Nicotera, isola pedonale, la raccolta firme promossa da ACU-Calabria ed Azione Identitaria Calabria.
I promotori, alla presenza del presidente ACU – Calabria, avv. Sergio Tomaino, saranno presenti con un gazebo per informare i cittadini lametini sui diritti da pretendere per quanto riguarda la pessima gestione del servizio idrico a Lamezia.

Di seguito il testo dell’iniziativa che toccherà periodicamente vari quartieri della città:

“L’Associazione Consumatori Utenti, ACU-Calabria, ed Azione Identitaria, ciascuno nel rispetto dei propri scopi sociali, ma entrambe nel primario interesse dei diritti del cittadino, hanno organizzato una raccolta di firme finalizzata all’invio di una diffida alla LAMEZIA MULTISERVIZI affinchè provveda immediatamente al rimborso, in favore di tutti i cittadini titolari di utenza idrica, di quanto pagato per la fornitura dell’acqua non erogata a causa di interruzioni.

Con la stessa raccolta di firme si chiede alla Lamezia Multiservizi, in applicazione della legge, di non inserire più nelle fatture i consumi stimati.
La Lamezia Multiservizi, da più di due anni, con regolare cadenza settimanale, interrompe per giornate intere o per diverse ore l’erogazione dell’acqua potabile, spesso anche senza il dovuto preavviso.

Tale sistematica interruzione, non occasionale e non dovuta a fatti eccezionali, ha provocato e sta provocando nella cittadinanza gravi disagi.
La legge e la giurisprudenza consentono, in tali casi, ai cittadini di reclamare e di vedere soddisfatti i propri diritti.
Infatti, se da un lato il cittadino ha il dovere di pagare le fatture per la fornitura idrica, dall’altro la Lamezia Multiservzi ha il dovere di restituire ai cittadini la somma corrispondente ai giorni di mancata erogazione dell’acqua.

Il cittadino, spesso vessato, che ama lamentarsi delle cose che non funzionano, senza timore deve reclamare i propri diritti anche nei confronti della PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, nei casi in cui la gestione dei servizi pubblici è carente o di qualità inferiore a quella prevista dai contratti.

Acu Calabria e Azione Identitaria stanno predisponendo una diffida che verrà inviata alla Lamezia Multiservizi chiedendo l’immediato rimborso di quanto illegittimamente incassato per l’acqua non erogata.

La Lamezia Multiservizi verrà anche diffidata ad inserire nelle fatture l’esatto consumo di acqua e a non richiedere ai cittadini il pagamento per i consumi stimati.
Anche in questo caso la legge e le sentenze della Corte di Cassazione obbligano gli enti gestori a richiedere il corrispettivo per l’esatto consumo di acqua, previa lettura effettiva dei misuratori.

ACU e Azione Identitaria invitano tutti i cittadini ad alzare la testa, a reclamare per la tutela dei propri diritti e partecipare all’iniziativa apponendo una firma presso i punti di raccolta organizzati”.

loading...