Roghi Scordovillo, Giuseppe Spinelli: “Invierò lettera al Presidente della Repubblica” · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Roghi Scordovillo, Giuseppe Spinelli: “Invierò lettera al Presidente della Repubblica”

martedì 25 luglio 2017

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – “L’incessante ed inarrestabile progressione dei roghi di sostanze tossiche provenienti dal campo Rom di Scordovillo, rendono necessarie impellenti soluzioni ad un fenomeno che contamina e compromette in modo definitivo e gravissimo la salute pubblica dei cittadini di Lamezia Terme. Ma nessuna soluzione è stata finora adottata. A Lamezia Terme la democrazia è sospesa”.È quanto afferma il coordinatore cittadino di Forza Italia Giuseppe Spinelli il quale evidenzia come 
“non ha senso parlare di democrazia e di partecipazione alla vita pubblica, quando la salute di una intera collettività è soggetta ad un incombente e concreto pericolo.
L’aria che si respira e che si inala è mefitica ed insopportabile, portatrice di patologie mortali.
Questa peste manufatta mi impone, impone alla mia coscienza, di dare, per così dire, gli otto giorni alle Istituzioni.
Mercoledì 2 agosto, in assenza frattanto di atti significativi e concreti, invierò una lettera raccomandata al Presidente della Repubblica Giorgio Mattarella, con la quale procederò a restituire la mia tessera elettorale.
Votare di nuovo non avrebbe infatti più alcun senso, perché significherebbe votare da malati.
Nel contempo, chiederò al Presidente della Repubblica, anche nella sua qualità di Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, supremo ed inappellabile garante dei diritti costituzionali dei cittadini, di verificare ed accertare se gli strumenti normativi adottabili per fronteggiare la gravissima endemica emergenza che compromette anche l’ordine pubblico della nostra città, siano stati concretamente messi in campo dalle competenti Autorità.
Questo – conclude Spinelli – anche in considerazione della natura cogente dell’attività pubblica da esercitare, tutta ricompresa nella genia degli atti da compiere senza ritardo, perché afferenti a ragioni di giustizia, di sicurezza pubblica, di ordine pubblico, di igiene e sanità.
Ogni mio successivo passo sarà, ovviamente, conseguenziale”.

loading...