Nomine Lamezia Multiservizi, Mercurio (Udc): “Non rispettate le quote rosa” · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Nomine Lamezia Multiservizi, Mercurio (Udc): “Non rispettate le quote rosa”

giovedì 15 settembre 2016

mercurioLAMEZIA TERME (CATANZARO) – Il commissario Udc Lamezia Terme, avv. Rosina Mercurio interviene su una nuova problematica della Lamezia Multiservizi: “Dalla composizione del Cda della Lamezia Multiservizi, leggendo le ultime problematiche che stanno interessando la società, rilevo che purtroppo non è stata tenuta in alcuna considerazione, violandola palesemente, la normativa in materia di parità di accesso agli organi delle società.

Il Cda della Lamezia Multiservizi è, infatti, tutto al maschile e perciò illegittimo.

Ciò nonostante, la legge n. 120 del 2011 imponga, alle società quotate e alle società controllate dalle pubbliche amministrazioni, di riservare la quota di 1/3 del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale al genere meno rappresentato, nel caso della Lamezia Multiservizi il genere per nulla rappresentato.

Le società costituite in Italia non quotate controllate ai sensi dell’articolo 2359  del codice civile da pubbliche amministrazioni devono, infatti, prevedere nei propri statuti che la nomina degli organi di amministrazione e di controllo sia effettuata secondo modalità tali da garantire che il genere meno rappresentato ottenga, almeno, un terzo di ciascun organo sociale.

Molti gli azzeramenti di Cda già avvenuti in Italia in quanto, carenti di quota rosa,  sono stati dichiarati dal Tar addirittura anticostituzionali, in quanto in contrasto con i principi fissati dagli artt.3 e 51 della Costituzione.

A tal proposito, gli organi locali a tutela delle pari opportunità avrebbero dovuto rilevare tale inadempienza e adoperarsi per la tutela di un diritto che rientra di certo in una questione democratica, ma che risponde soprattutto ad una esigenza economica.

La Lamezia Multiservizi dovrà, dunque, insieme alle altre problematiche, affrontare immediatamente anche la questione del rispetto della quota di genere, garantendo la rappresentatività all’interno del consiglio di amministrazione, del genere minore, ossia garantendo la presenza di almeno una figura femminile.

Infatti, accertato il mancato rispetto della quota, il Presidente del Consiglio dei Ministri o il Dipartimento delle Pari Opportunità, diffidata la società a ripristinare l’equilibrio tra i generi entro 60 giorni, provvederà, in caso di inottemperanza alla diffida, a fissare un ulteriore termine di 60 giorni decorso il quale, ove la società non provveda ad adeguarsi, i componenti dell’organo decadranno dalla carica.

Da donna e da professionista sono rammaricata nel constatare che Lamezia non è al passo coi tempi, né allineata agli standard normativi, in violazione di una legge oltre che di un ruolo, quello femminile, all’interno della società lametina.

Il Sindaco dovrà subito intervenire, in forza dei principi di legalità e giustizia, per restituire legittimità ad un Cda “ fuori legge”.

L’UDC che è da sempre per il rispetto della legalità, seppur sicura che verranno tempestivamente prese le opportune soluzioni, da parte sua sarà pronta a vigilare che ciò avvenga e, diversamente, si farà promotrice dell’adeguamento, alla normativa sopra richiamata, del Cda della Lamezia Multiservizi, interpellando il competente Dipartimento e gli uffici territoriali di governo preposti e segnalando la carenza di equilibrio tra i generi.”

loading...