Giovani Democratici denunciano i disagi del Pronto Soccorso lametino · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Giovani Democratici denunciano i disagi del Pronto Soccorso lametino

martedì 25 agosto 2015

imageLAMEZIA TERME (CZ) – “Non esiste cosa peggiore dell’indifferenza verso gli utenti che ogni giorno per vari motivi si recano presso il nostro pronto soccorso, al quale mancano i servizi minimi di assistenza ma che tuttavia è provvisto di un tecnologico schermo tv da 46” pollici che intrattiene l’utenza nella lunga ed estenuante attesta (tra le altre cose) anche per un semplice foglio di dimissioni fino a diverse ore.

Capiamo le difficoltà degli operatori dovute alla già nota carenza di personale nella struttura ospedaliera, che però non giustifica il rischio alla salute dettato dalle scarse condizioni igienico-sanitarie in cui versa il nostro pronto soccorso. In seguito a delle segnalazioni arrivateci, ci troviamo a dover prendere atto che nella mattinata di oggi dalle 9 di questa mattina, difatti, una bambina in seguito a ripetuti conati di vomito, ha rimesso nella sala d’attesa del pronto soccorso stesso; fino alle 15 l’espettorato della piccola non risulta ancora essere stato rimosso bensì solo coperto da un OSS con della carta igienica mostrando uno spettacolo sgradevole sia alla vista che all’olfatto. Solo dopo numerosi ed accesi richiami ed urla l’attenzione è stata tale da vedere nuovamente ristabilita la pulizia nel pronto soccorso. Questo accadimento, può sembrare una banalità ma non lo è. Questo è invece l’emblema della situazione in cui versa il nostro ospedale.

Sarà pur vero che abbiamo dovuto ereditare una situazione disastrosa causata dal Governo Scopelliti e dal suo piano di rientro ma ciò non toglie che ci aspettiamo da chi di dovere un immediato provvedimento al riguardo di quanto detto per garantire quanto meno i servizi minimi igienico-sanitari nel nosocomio lametino e non manifestazioni banali del tipo scioperi della fame, che iniziano alle 8 del mattino e terminano alle 12 della stessa mattinata. Non si gioca sulla salute dei calabresi e nemmeno su quella di oltre 150 mila persone che è il bacino d’utenza che l’ospedale Giovanni Paolo II serve (per quel che riguarda tutto l’hinterland lametino).

Ci sentiamo di ricordare quindi al neo commissario Scura e a qualunque altra istituzione politica ne abbia facoltà di prendere in seria considerazione l’ospedale lametino e di rispettarlo visto che ormai da anni è stato mortificato vedendosi non solo mancante di quelle strutture promesse (una su tutte il trauma center) ma declassato e privato dei servizi che già erano efficienti ed efficaci. La politica di smantellamento ha portato a questo. E l’accadimento precedentemente citato è la triste e chiara rappresentazione del fallimento della nostra classe dirigente. Infine, per la cronaca, e cosa ancora più grave, la segnalazione giuntaci ha inoltre comunicato che una volta avvenuto il cambio turno degli operatori, gli utenti che hanno atteso numerose ore sono stati convocati individualmente dal predisposto personale sanitario il quale (chiedendo “come mai tutti i pazienti avessero aspettato così tanto”) ha in poco tempo provveduto ad consegnare i dovuti documenti. Vista la nostra attenzione da sempre attiva sulle vicende sanitarie non ci faremo scrupoli a denunciare qualsiasi altra inefficienza.”

Giovani Democratici Lamezia

loading...