Ballottaggio, nessun apparentamento per Tommaso Sonni. Il 12 l’annuncio della Giunta · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Ballottaggio, nessun apparentamento per Tommaso Sonni. Il 12 l’annuncio della Giunta

domenica 7 giugno 2015

IMG_9487.JPGLAMEZIA TERME (CZ) – Nessun apparentamento e l’invito ai cittadini di votarlo perchè “noi siamo in condizioni di vincere il ballottaggio”, annuncio della Giunta il 12 giugno, nessun accordo politico ma solo confronti con l’accoglienza delle differenze e delle positive divergenze.

Questo in sintesi quanto lanciato stamattina in conferenza stampa dal candidato al ballottaggio del 14 giugno, Tommaso Sonni.

“Il mio competitor ha detto Sonni – si è presentato come l’uomo del cambiamento ma se ci guardiamo bene intorno sembra soltanto il capo di un’ammucchiata di liste fatte di soggetti che hanno condiviso un’esperienza regionale che non è stata affascinante e brillante in questi anni. Personalmente – ha evidenziato – ho fatto un percorso diverso, la mia candidatura è stata sottoposta, attraverso le primarie, ad una verifica democratica che ha consentito di aggregare tutto il centro sinitra senza avere alcuno sponsor ma attivando persone che si sono messe in gioco per cambiare pagina e contribuire a rinnovare la politica e per dare credibilità alle istituzioni.
Abbiamo lanciato una sfida nuova – prosegue Sonni dinanzi agli amici, i simpatizzanti e i giornalisti – per una nuova fase della politica. Ciò ci ha indotto a rinunciare ad ogni apparentamento con altre liste pur non disdegnando interlocuzione e confronto con i candidati a sindaco esclusi. Ho incontrato Nicola Mazzocca e Pasqualino Ruberto, il confronto con loro è stato utile, ha registrato differenze ma anche positive convergenze, senza indugiare su ruoli e incarichi da spartire o accordi che avrebbero messo davvero in difficoltà me stesso. Lamezia ha bisogno di una buona politica, meno rissosa, orientata al bene comune, come viene sollecitato dal nostro vescovo nel recente appello lanciato durante la festa di San Francesco di Paola.
Se vinciamo – ha aggiunto l’aspirante sundaco – offriremo la carica di Presidente del Consiglio Comunale alla minoranza come condizione per un corretto e costruttivo svolgimento dei lavori consiliari e come segnale di rasserenamento nel clima politico in città. Io spero che anche Mascaro faccia la stessa cosa perchè Lamezia ha bisogno di buona politica.
Vogliamo inoltre interrompere una consuetudine che contrasta con la grave crisi economica. Vogliamo contenere al massimo le spese di rappresentanza politica. Puntiamo a valorizzare le risorse umane dell’Ente nel ricoprire incarichi dirigenziali perchè crediamo siano numerose le competenze e le professionalità che il Comune ha e che vanno motivate al fine di contribuire a costruire una fase completamente nuova di riscatto dellla città.
La giunta che mi affiancherà non sarà il risultato di spartizioni o di logiche di appartenenza ma dovrà rispondere a criteri di affidabilità, competenza, professionalità. La scelta ricadrà su persone che non hanno ricoperto cariche di governo nelle precedenti amministrazioni, valorizzando in misura maggiore il ruolo delle donne. Il mio intendimento è inoltre quello di sfruttare al meglio il ruolo dei consiglieri eletti, attraverso specifiche deleghe secondo le loro competenze nei diversi settori per rafforzare il rapporto tra eletti e cittadinanza.
Consiglieri, insomma, che risolvano i problemi della città.
All’indomani del voto dovremo affrontare criticità importanti a partire dai servizi essenziali, quali quelli sociali, il decoro urbano, i trasporti pubblici e le questioni finanziarie del comune. Si dovrà soprattutto lavorare per grantire efficacia ed efficienza al nostro presidio ospedaliero che diventi polo significativo nell’ambito di una strategia regionale. Sana programmazione regionale che non incrementi le migrazioni verso altre regioni come oggi ancora succede. La sanità lametina non va difesa, va piuttoto riorganizzata e migliorata per dare risposte efficaci ai bisogni degli ammalati.
Faccio miei alcuni punti programmatici di altri: rifiuti zero dei 5Stelle, la Città delle Muse di Idee in Movimento e il polo termale e fieristico di Pasqualino Ruberto.”

Particolare attenzione verso la criminalità organizzata, per la quale Tommaso Sonni prevede di garantire la continuità di quello stile proprio del centro sinistra. Appalti puliti e attenzione sempre alta per il bene della città e la sicurezza dei cittadini, in sinergia con le forze dell’ordine e i magistrati.

Il 12 giugno Tommaso Sonni annuncerà la Giunta.

C.M.

loading...