Mtl-Noi con Salvini lancia allarme: nel quartiere Timpone fogna a cielo aperto riversa nel Torrente Canne · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Mtl-Noi con Salvini lancia allarme: nel quartiere Timpone fogna a cielo aperto riversa nel Torrente Canne

martedì 17 marzo 2015 - 18:15
Print Friendly, PDF & Email

fogna_timponeLAMEZIA TERME (CZ) – Su segnalazione dei cittadini del luogo è stato effettuato un sopralluogo nel cuore del centro storico di Lamezia. Specificamente nelle persone del Consigliere Cristiano Massimo, il dirigente Luigi Taverna e il portavoce Fernando Giacomo Isabella.

“Diverse zone del centro storico del quartiere di Nicastro, sono state trasformate dal governo PD-SEL in zone trash. La condizione in cui versa il quartiere Timpone – si legge nella nota – è davvero drammatica, a tal punto da minare seriamente la salute delle famiglie residenti. E’ stato sconvolgente constatare la presenza nel cuore della terza città della regione di un quartiere abbandonato, che riesce a sopravvivere solo grazie alle “cure” dei residenti. Non è accettabile la condizione in cui versa la rete fognaria, che sfocia liberamente nel Torrente Canne, mentre la perdita di una condotta ha trasformato i vicoli del Timpone in un lungo “rivolo nero”.

A tale condizione emergenziale, purtroppo, è necessario aggiungere il forte degrado e le condizioni di crescente pericolo in cui versa il ponte che attraversa il Torrente Canne, con il legname che non garantisce più la sicurezza del passaggio. L’Amministrazione a trazione PD- Sel è completamente rimasta sorda ai continui allarmi lanciati dai lametini, che spesso si prodigano alla manutenzione del quartiere. Il governo locale, ancora oggi, prosegue nel suo atteggiamento sciatto trascinando i residenti in condizioni di estremo pericolo, manifestato anche dal completo disinteresse rivolto verso le pericolanti “case fantasma”. Prepareremo, immediatamente, una interrogazione consiliare e segnaleremo quando riscontrato alla Procura della Repubblica chiedendo al Dirigente ai Lavori pubblici di intervenire immediatamente, per porre fine ad un disastro ambientale che giorno dopo giorno rischia di assumere i connotati di una tragedia”.

loading...