Multato perchè tagliando assicurazione esposto finestrino posteriore · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Multato perchè tagliando assicurazione esposto finestrino posteriore

contrasssegno dietroD: Gentile avvocato, sono stato multato perchè tenevo il tagliando dell’assicurazione sul finestrino laterale posteriore della macchina anziché sul parabrezza.

E’ corretta la contestazione? Posso oppormi alla multa?

Preciso che l’assicurazione era stata regolarmente pagata, e che quindi il tagliando era valido, ma solo, secondo quanto dettomi, attaccato nel posto sbagliato.

R: Gentile signore, a norma dell’art. 181 del D.lgs. 285/1992 (Codice della Strada) “…È fatto obbligo di esporre sugli autoveicoli e motoveicoli, esclusi i motocicli, nella parte anteriore o sul vetro parabrezza, il contrassegno … relativo all’assicurazione obbligatoria…”.

Il fatto che Lei sia in possesso di un valido contrassegno non la esime, purtroppo, dal collocarlo correttamente all’interno del veicolo, come previsto dal Codice della Strada.

Il “tagliando” dell’assicurazione va, dunque, esposto, sul parabrezza o nella “parte anteriore” del veicolo (ovvero sul cruscotto); potrebbe discutersi, in mancanza di specificazioni da parte della norma citata e con più di qualche forzatura, se per parte anteriore possa intendersi, per le auto che ne sono provviste, anche la porzione fissa di finestrino davanti (di solito di forma triangolare) vicina al parabrezza, ma mi sento di escludere che posizionare il contrassegno di assicurazione nella parte laterale posteriore del veicolo sia condotta conforme all’art. 181 C.d.S.

Le preciso, altresì, che il contrassegno di assicurazione deve essere esposto in maniera “visibile”: laddove, correttamente collocato all’interno del veicolo, fosse oscurato ovvero coperto anche temporaneamente (ad es., da un parasole), vi sarebbero i presupposti per l’applicazione dell’art. 181 C.d.S.

Concludendo, potrà certamente opporsi alla sanzione amministrativa nei modi e tempi previsti dalla legge ma, presumendo che le sia stato applicato il minimo edittale (€ 24,00 su un massimo di € 94,00), ed alla luce di quanto sopra chiarito, La invito a valutare l’opportunità di tale scelta.

PONI I TUOI DUBBI, CON LA NOSTRA RUBRICA L’AVVOCATO GIUSEPPE BORRELLO RISPONDERA’

Commenta

loading...