Monsignor Carlo Viganò e il rapporto che accusa il Papa: «Coprì gli abusi, ora si dimetta» · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Monsignor Carlo Viganò e il rapporto che accusa il Papa: «Coprì gli abusi, ora si dimetta»

Chiedere le dimissioni di Francesco per avere coperto casi di pedofilia è più di un attacco: ha il sapore di una provocazione che si iscrive nel conflitto violento in atto dentro la Chiesa cattolica. Ma non si può ignorare la novità: ora sotto accusa è lo stesso Papa.

Un rapportodell’ex nunzio apostolico a Washington, Carlo Maria Viganò, sostiene che Jorge Mario Bergoglio avrebbe ignorato gli abusi sessuali del cardinale Usa, Theodore McCarrick, almeno dal giugno del 2013. In quell’occasione, sarebbe stato Viganò a informarlo che l’ex arcivescovo di Washington aveva commesso questi crimini per decenni. Secondo il nunzio, Francesco non avrebbe ascoltato le denunce perché McCarrick aveva favorito, dall’esterno, la sua elezione al Conclave. Anche se a luglio gli ha tolto il cardinalato: decisione senza precedenti.
 
L’attacco, pubblicato dal quotidiano La Verità, getta una luce inquietante sulla nomenklatura vaticana. E non serve chiedersi quanto siano nobili o meschini i motivi per cui è scattato. Viganò è ritenuto uno dei portavoce del fronte conservatore, ostile a Francesco. Ma il quadro, se confermato, sarebbe comunque devastante. Il pontefice argentino ha cercato di arginare, in Irlanda, la rabbia contro la Chiesa per i casi di pedofilia. Il «rapporto Viganò» mira a togliergli credibilità.

A renderlo insidioso non è tanto l’autore, personaggio controverso ma profondo conoscitore della Santa Sede. Il problema è che si insinua l’immagine di un Papa al corrente degli abusi; e incline a sottovalutarli per ragioni di realpolitik. A dilatare l’eco è quanto è avvenuto negli ultimi mesi in Cile. Bergoglio ha difeso vescovi colpevoli di abusi sessuali, liquidando come «calunnie» le accuse. Poi, di fronte alla reazione dell’arcivescovo di Boston, Patrick O’Malley, ha ammesso di essere stato informato male, e aperto un’inchiesta. E l’episcopato cileno si è dimesso in massa.

È stato fatto filtrare, però, che per tre anni la Congregazione per la Dottrina della Fede, guidata fino al 2017 dal cardinale Gerhard Muller, aveva segnalato in alcuni rapporti scritti la situazione in Cile; e che Bergoglio li avrebbe sottovalutati, fidandosi delle rassicurazioni di alcuni cardinali cileni. Ma dal rapporto di Viganò escono delegittimati un po’ tutti. Angelo Sodano e Tarcisio Bertone, segretari di Stato con Giovanni Paolo II e con Benedetto XVI, sono additati per primi.
E a cascata compaiono decine di alti prelati: a conferma di una resa dei conti che si va incanagliendo. Al di là della possibile voglia di vendetta di un nunzio giubilato da Francesco, si ripresenta il problema della selezione degli ecclesiastici, si tratti di accusati o accusatori. A emergere bene dal rapporto sono pochi: soprattutto il Papa emerito Benedetto XVI, che cercò di isolare McCarrick, senza riuscire a imporre la sua volontà al Vaticano e ai vescovi Usa. Ma questo, forse, induce a chiedersi di nuovo quali furono i motivi reali della rinuncia di Joseph Ratzinger nel 2013. (Corriere)

 

 

 
 

Commenta

loading...