Stasera naso all’insù per il “bacio” di Giove e Venere: ecco come osservarli · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Stasera naso all’insù per il “bacio” di Giove e Venere: ecco come osservarli

martedì 30 giugno 2015 - 16:05
Print Friendly, PDF & Email

cieloGiove e Venere, i due corpi celesti più luminosi del Sistema solare (dopo Sole e Luna) si avvicineranno, dal nostro punto di vista, fino ad una distanza inferiore al diametro della LunaL’anno scorso il fenomeno si era verificato il 18 agosto prima dell’alba, stasera invece potrà essere osservato dopo il tramonto rivolgendo lo sguardo verso ovest: allungando un braccio verso il cielo, sarete in grado di coprire entrambi i pianeti con la sola punta del vostro mignolo. Visti da un telescopio amatoriale i due oggetti sembreranno della stessa dimensione, ma in realtà è solo un’illusione, perché Giove, anche se molto più lontano, è decisamente più grande di Venere. Inoltre la vicinanza dei due pianeti sarà solo prospettica, si ricordi che Venere si trova in questo periodo a circa 77 milioni di km dalla Terra, mentre Giove ad oltre 909 milioni di km.

Per tutto il mese di giugno abbiamo assistito al loro lento avvicinamento, ben visibili sull’orizzonte ovest: Giove è l’astro più debole tra i due (magnitudine di -1.3), mentre Venere splende di magnitudine -4.1. La sera del 30 giugno e del 1° luglio i due pianeti si troveranno alla minima distanza, separati da appena 1/3 di grado.

Appariranno come una sorta di unico super pianeta molto brillante

Precisamente, il massimo avvicinamento assoluto avverrà alle 06:00 del 1° luglio, in piena luce mattutina: se ne consiglia quindi l’osservazione nella serata del 30 giugno. I due pianeti sembreranno formare una stella binaria, proprio perché appariranno molto vicini, anche se solo per poche ore.

Ci daranno l’illusione di passare l’uno accanto all’altro per via della posizione che in questo momento occupano lungo le loro orbite, ma i due oggetti sono divisi da oltre 800 milioni di km. Giove impiega molto più tempo a completare il suo percorso, e Venere, dopo aver attraversato nel corso di giugno tutta la costellazione del Cancro, lo raggiungerà nel Leone. Durante la congiunzione del 17 maggio 2000, Giove e Venere si sono trovati alla distanza minima di soli 0,01°, ma erano entrambi troppo vicini al Sole per essere visti dalla Terra. Il prossimo appuntamento è previsto per il 27 agosto 2016, quando torneranno incontrarsi durante una congiunzione serale, separandosi di soli 0,1°.

Meteoweb

loading...