Monsignor Paglia indagato per la compravendita del castello di Narni · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Monsignor Paglia indagato per la compravendita del castello di Narni

mercoledì 27 maggio 2015

paglia_monsLa procura di Terni chiude le indagini sulla compravendita del castello di San Girolamo e contesta l’associazione per delinquere oltre a numerosi reati per l’irregolarità della gara pubblica. Tra gli indagati, Monsignor Vincenzo Paglia – attuale presidente del Pontificio consiglio per la famiglia – il vicario episcopale della diocesi Francesco De Santis, oltre al presidente dell’Istituto diocesano per il sostentamento del clero, Giampaolo Cianchetta. Le indagini sono state svolte dal nucleo valutario della Guardia di Finanza guidato dal generale Giuseppe Bottillo e dalla Questura di Terni guidata da Carmine Belfiore.

Lo scenario
Operazioni finanziarie e immobiliari realizzate con i conti correnti della diocesi umbra di Terni, Narni e Amelia gravata da un pesante buco economico, sono lo scenario dell’ inchiesta che coinvolge uno dei più importanti esponenti della chiesa cattolica. Monsignor Vincenzo Paglia presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, esponente di spicco della Comunità Sant’Egidio e vescovo della diocesi di Terni dal 2000 al 2012 è stato raggiunto da un avviso di conclusione indagini firmato dal pm della procura di Terni Elisabetta Massini. Le accuse vanno dall’associazione per delinquere alla turbata libertà degli incanti, truffa ai danni del Comune di Narni, abusivo esercizio del credito, appropriazione indebita.
L’indagine sulla compravendita avvenuta 4 anni fa
Al centro dell’inchiesta c’è la compravendita avvenuta circa quattro anni fa, del castello di San Girolamo a Narni, avvenuta formalmente da parte della IMI immobiliare Srl ma in realtà realizzata utilizzando indebitamente denaro della diocesi di Terni Narni Amelia. Secondo la procura di Terni il presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia sarebbe uno dei promotori dell’affare. Paglia avrebbe agito in concorso con altri soggetti tra cui Paolo Zappelli, amministratore unico della IMI Immobiliare ed economo della diocesi, Luca Galletti, direttore dell’ufficio tecnico della diocesi e Francesco De Santis vicario episcopale e portavoce del Vescovo. Tra gli altri indagati che come tutti avranno 20 giorni di tempo per depositare memorie difensive o chiedere di essere interrogati, Stefano Bigaroni, sindaco di Narni all’epoca dei fatti, gli amministratori del comune umbro Antonio Zitti, Alessia Almadori e Alessandra Trionfetti e i componenti del cda di società immobiliari Giampaolo Cianchetta e Gian Luca Pasqualini.

Castello maestoso, ma in abbandono
Il complesso immobiliare del Castello di San Girolamo è una struttura maestosa, di grande interesse culturale e storico e ora in completo stato di abbandono. La sua cessione è oggetto di indagine da parte degli inquirenti che hanno già concluso la fase preliminare.Una compravendita, costata alle casse della diocesi più di un milione di euro (1.066.625,48 euro) e che secondo l’atto di accusa avrebbe procurato un ingiusto profitto per Galletti e Zappelli. Nell’avviso di chiusura indagini emerge che l’acquisto del castello fu perfezionato con un pagamento avvenuto in tempi diversi da quelli previsti nel bando di gara, da parte di una società diversa da quella che se lo era aggiudicato, con finanziamenti operati in violazione di legge e attraverso una serie di operazioni societarie sulle quali il pm Elisabetta Massini intende fare chiarezza.
Usato conti correnti della Diocesi
L’operazione sarebbe stata realizzata utilizzando due conti correnti della Diocesi che erano nella disponibilità di Galletti e Zappelli in quanto rispettivamente vicario dell’ente diocesi nonchè dal delegato del Vescovo ad operare sui conti correnti della diocesi, i quali avrebbero poi beneficiato del business immobiliare. Secondo l’inchiesta, il sindaco di Narni, Bigaroni comunicò a monsignor Paglia l’intenzione del Comune di vendere il castello prima ancora della pubblicazione dell’elenco delle aree del Comune di Narni poste in vendita, prevedendo nel bando di gara un prezzo di 1.760.000 euro, una somma largamente inferiore al valore reale di 5.638.040 euro.
L’inchiesta
Da qui una serie di carteggi che il pm giudica illeciti fino all’aggiudicazione del bene ad una società non solo diversa dalla vincitrice della gara ma che non aveva nemmeno i requisiti per parteciparvi. Sentito a margine della videoinchiesta sul caso del buco finanziario nelle casse della diocesi e sulla compravendita del castello di San Girolamo, mesi fa il presidente del Pontificio consiglio della famiglia chiarì di non voler rilasciare interviste sulla questione, di non saperne nulla e di aver lavorato sempre nella massima trasparenza e per il bene della chiesa. I riflettori sulla diocesi di Terni, Narni e Amelia si erano accesi per un triste primato e cioè quello di essere la seconda diocesi più indebitata d’Europa con un buco di circa 25 milioni di euro. Per questo motivo monsignor Vecchi, amministratore apostolico, su indicazione di Papa Francesco, prima di lasciare il posto al successore di Paglia, ha condotto un importante cammino di risanamento e bonifica della diocesi. L’anno scorso il Pontefice ha scelto come guida della diocesi un frate francescano: padre Giuseppe Piemontese, ex custode del Sacro convento di Assisi.

(da Corriere)

loading...