Vacantiandu. Al Gran Premio Teatro Amatoriale Italiano “Uno, nessuno e centomila” della compagnia siciliana Piccolo Borgo Antico · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Vacantiandu. Al Gran Premio Teatro Amatoriale Italiano “Uno, nessuno e centomila” della compagnia siciliana Piccolo Borgo Antico

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Prosegue la rassegna teatrale Vacantiandu con la direzione artistica di Diego Ruiz e Nico Morelli,direzione amministrativa di Walter Vasta.

L’appuntamento è per sabato 23 novembre 2019, ore 20.45, al Teatro Comunale Grandinetti con la sezione dedicata al Gran Premio del Teatro Amatoriale Italiano per la prima volta in Calabria con 14 compagnie amatoriali selezionate tra tutte le regioni italiane iscritte alla Federazione Italiana Teatro Amatoriale (FITA) e i cui spettacoli hanno ottenuto il Premio FITA regionale come “Miglior spettacolo”.

Dopo la Campania, la seconda regione a salire sul palcoscenico del Grandinetti sarà la Sicilia con la Compagnia Piccolo Borgo Antico di Lipari che porterà in scena Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello, regia di Tindara Falanga.

Uno dei più noti testi del drammaturgo di Girgenti diventa “commedia”. Questa la sfida concettuale e artistica della regista che ha adeguato i passaggi del romanzo a una pièce teatrale. Sul palcoscenico,occupato da specchi e scenografie mobili a mostrare la relatività di un mondo incerto, smarrito e tormentato, si muovono i personaggi di questo testo pirandelliano che scardina le certezze dell’io. Vitangelo Moscarda (Gengè) è vittima dei giudizi altrui, da quelli estetici della moglie alle opinioni dei furbi collaboratori della banca che, alla morte del padre, si ritrova a dirigere. Il pesante conflitto tra la percezione che gli altri hanno di lui e il suo “sentire” scatena in Gengè meccanismi mentali che sconfineranno nella pazzia, unica arma per sopravvivere al pesante gioco delle contraddizioni di cui il mondo è inevitabile palcoscenico mentre il sottile artificio delle identità multiple, di cui egli è portavoce e simbolo, diventa visivo, concreto, tanto che la stessa unità fisica del personaggio viene scissa e superata.

Lo spettacolo sarà valutato da una Giuria qualificata e parteciperà al Gran Premio del Teatro Amatoriale Italiano la cui cerimonia di premiazione si svolgerà il 29 marzo 2020 al Teatro Comunale Grandinetti. 

Commenta