A Catanzaro e Gizzeria la lametina Ippolita Luzzo con “Pezzi” · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

A Catanzaro e Gizzeria la lametina Ippolita Luzzo con “Pezzi”

Doppio appuntamento estivo per Ippolita Luzzo nelle prossime settimane. Venerdì 12 luglio alle 21.30 la blogger lametina sarà ospite della libreria Ubik di Catanzaro Lido, nell’ambito del ricco cartellone di appuntamenti predisposto dalla realtà culturale guidata da Nunzio Belcaro e Gianluca Pitari, dal titolo “Un mare di parole”. Una rassegna, che si concluderà a fine mese, per festeggiare gli otto anni della libreria.

Il 18 luglio alle 19 la Luzzo sarà ospite dell’associazione culturale “Felice Mastroianni” al residence “La Giungla” di Falerna e interloquirà con il presidente del sodalizio Antonio Butera.

“Pezzi” è la raccolta di alcuni dei post scritti da Ippolita sul suo blog  “La regina della Litweb” (trollipp.blogspot.com), scelti e curati da Letizia Cuzzola, presentato per la prima volta alla fiera nazionale della piccola e media editoria a Roma “Più libri più liberi” nel dicembre 2018, dove la docente lametina era presentetra i tredici blog letterari nazionali della sezione denominata “Blogger in stand”, organizzata dalla casa editrice Exorma in collaborazione con Robinson, l’inserto di “Repubblica” dedicato ai libri e alla cultura.

Da sette anni Ippolita Luzzo, attraverso il suo blog, dà voce ad autori della piccola e media editoria da tutta Italia, molti dei quali inviano le loro opere per avere un suo punto di vista, un’analisi fatta con il suo ormai caratteristico stile graffiante e senza schemi.

Un “non libro”, come ama definirlo la blogger, che racconta per flash di scrittura una realtà “fatta a pezzi”, quando c’è da smontare cliché o vuota retorica, oppure una realtà narrata come un collage di pezzi messi uno accanto all’altro, quando c’è da creare legami tra arti, esperienze e voci diverse, spaziando dal cinema all’arte alla letteratura.

 

Commenta