Nella sede della tipografia Grafichè l’evento “Così vi racconto i Bruzi e l’Accademia” · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Nella sede della tipografia Grafichè l’evento “Così vi racconto i Bruzi e l’Accademia”

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Sabato 5 maggio, alle ore 19, nella sede della tipografia Grafichè di Antonio Perri, ha avuto luogo l’evento “Così vi racconto i Bruzi e l’Accademia”.

In una sala gremita e straripante di pubblico fino all’area esterna, tra piccole e gigantesche macchine tipografiche, quasi integrati in una casuale  futuristica scenografia, i componenti dell’Accademia hanno eseguito i brani del loro ultimo CD “Accademia”: Ero l’attendente del Kaiser e Cuore di Sasso, primo 45 giri dei Bruzi del 1966, Asprumunti inedito e Soli dell’Accademia del 1984 , Una volta si moriva per amore dei Bruzi-Occhididio del 1971 e La canzone dell’amore dell’Accademia Bruzia del 1978. Il pubblico toccato dai pregevoli arrangiamenti di Massimo Naccarato (tastierista), emozionato dalle interpretazioni di Albino Cuda (voce), trascinato dalle belle esecuzioni di Franco Paone (chitarrista), Toni Quattrocchi (bassista e voce), Domenico Paone(batterista) e Marianna Esposito (cori), ha accompagnato il gruppo nel canto e più volte applaudito, come si suol dire, a scena aperta. 

A completamento del tutto la conduzione di Luisa Vaccaro, che in una empatica full immersion negli anni ’60, ha intervistato seduti tra il pubblico Eugenio Renda ed Elio Giovinazzo, storici componenti dei Bruzi, Ermanno Guzzi pianista e fisarmonicista dal 1960 al 1961; ha, inoltre, dato voce a diversi testimoni del tempo presenti in sala creando una tempesta emotiva collettiva veramente singolare, unica, bella.

Proposito di Grafichè è quello di portare il progetto ad un pubblico molto più ampio con l’obiettivo di restituire alla città di Lamezia una bella pagina della sua storia.

Commenta