L’11 aprile incontro all’Uniter con la studiosa Claudia Melica · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

L’11 aprile incontro all’Uniter con la studiosa Claudia Melica

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Nuovo appuntamento all’Università della terza età e del tempo libero di Lamezia Terme, presieduto dal professore Italo Leone. Mercoledì 11 aprile alle ore 17.30, nei locali del “Salone del sacerdote” in via Misiani, si terrà l’incontro con la professoressa Claudia Melica, autrice del saggio “Memoria e inganno nell’Adriano di Marguerite Yourcenar”.

Un nuovo e appassionante evento, di elevato valore culturale, che vedrà la professoressa associata in due diversi settori disciplinari, filosofia morale e storia della filosofia, intervenire su una delle più importanti scrittrici del Novecento. Ad introdurre la relazione di Claudia Melica sarà la professoressa Costanza Falvo D’Urso che, come sempre, introdurrà i lavori della giornata, presentando l’autrice.

Claudia Melica collabora per attività di ricerca con il Dipartimento di Filosofia dell’Università Sapienza di Roma e con alcune Università europee (recentemente con l’Università di Vienna). Specialista in filosofia tedesca di fine Settecento e primi dell’Ottocento. In particolare, studiosa della filosofia della religione di Hegel, è stata docente a contratto alla Facoltà di Filosofia dell’Università Sapienza di Roma ricoprendo la cattedra di Cultura e religione nella Germania
moderna e svolgendo corsi su F. Schiller e W. von Humboldt. Nella stessa Università ha ottenuto il dottorato (IV ciclo con borsa di studio) e, in seguito, ha svolto il post-dottorato (con borsa di
studio). Ha insegnato per alcuni anni, come docente a contratto, anche presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Trento e in diverse Università europee. Ha collaborato a molteplici progetti di ricerca internazionali e progetti italiani cosiddetti Prin. È stata borsista dell’Istituto Italiano per gli Studi storici (Napoli) fondato da Benedetto Croce e anche borsista in diverse occasioni dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (Napoli) fondato da Gerardo
Marotta.
Ha ricevuto alcune borse di studio utilizzate in diverse sedi in Germania. Le sue ricerche hanno avuto per oggetto il pensiero hegeliano nella sua dimensione religiosa e, con particolare riferimento, al tema della comunità dei credenti e del culto. A questi temi ha dedicato una monografia specifica. Inoltre, si è occupata della riscoperta di alcune parti meno note del pensiero del filosofo olandese illuminista Frans Hemsterhuis (1721-1790) proponendo, tra l’altro, anche un’edizione e traduzione delle opere (alcune inedite) dal francese in italiano. Infine, ha approfondito testi di carattere filosofico-religioso di Lessing e ha pubblicato su questi temi. In campo letterario, si è consacrata con passione a studiare aspetti dell’opera di Marguerite Yourcenar dando alle stampe lavori sul tema della memoria.
In Calabria ha collaborato per diversi anni con l’Associazione filosofica “Scholé” con sede a Roccella Ionica (Reggio Calabria) per diversi progetti che hanno introdotto temi specifici della Filosofia in alcune scuole secondarie della Locride. Ha pubblicato e curato – oltre a numerosi saggi (120 circa) in lingua italiana e in diverse lingue straniere, stampati in riviste internazionali e italiane e in opere collettanee-- i seguenti volumi: Frans Hemsterhuis, Opere (2001); Hemsterhuis: a European Philosopher Rediscovered (2005); soprattutto la monografia. La comunità dello spirito in Hegel_ (2007); La religione dopo la critica della religione. Un dibattito filosofico (con Kaltenbacher e Nagl-Docekal).

Commenta

loading...