L’istituto comprensivo Perri Pitagora accende il Natale con il tradizionale concerto · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

L’istituto comprensivo Perri Pitagora accende il Natale con il tradizionale concerto

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Rivive l’incanto del Natale nel tradizionale concerto dell’istituto comprensivo “Perri – Pitagora”, che ieri sera ha acceso l’atmosfera natalizia in città con l’esibizione di quasi duecento bambini delle classi quinte al teatro comunale “Grandinetti”.

Diretti magistralmente dal maestro Orlando Vescio, i bambini hanno riproposto i canti più belli della tradizione natalizia, in italiano e in inglese, lanciando attraverso la voce e il canto un messaggio di speranza e di pace per la comunità lametina e un richiamo in musica ai valori universali della solidarietà e della fratellanza.

Il concerto natalizio di quest’anno, frutto di una preparazione di diversi mesi guidata dal maestro Vescio e dai docenti dell’istituto, è stato dedicato in particolare al cinquantensimo anniversario della nascita della città di Lamezia Terme che ricorrerà il prossimo 4 gennaio. Sulla città, sulle sue ricchezze e risorse, anche un video realizzato dalla scuola che ha visto protagonisti i bambini di tutte le classi, proiettato all’inizio della serata. E lo ha ricordato in apertura del concerto del concerto la dirigente Teresa Bevilacqua sottolineando come “tutti i ragazzi del nostro istituto si stanno preparando a vivere in prima persona i festeggiamenti della nostra città nel 2018, approfondendo in classe i passaggi storici significativi che hanno portato alla nascita della nostra città. Anche in un momento difficile come quello che la nostra comunità sta vivendo, dal canto di questi bambini giunge un messaggio positivo per il presente e il futuro di Lamezia. Un presente e un futuro di cui questi ragazzi dovranno essere protagonisti”. Hanno portato il loro saluto e il loro augurio, il commissario prefettizio Francesco Alecci, il presidente del consiglio d’istituto Chiara Macrì, il parroco di San Domenico don Antonio Brando, il rappresentante del comitato “Lamezia 4 gennaio 2018” Massimo Sdanganelli.

Omaggio per i sessant’anni dello Zecchino dai bambini dell’istituto lametino, che hanno aperto la serata con tre canti resi celebri dalla manifestazione promossa dall’Antoniano di Bologna. Il coro dello Zecchino d’oro “Mariele Ventre”, con la direttrice dell’Antoniano Sabrina Simoni, ha inviato ai bambini e alla scuola un videomessaggio di auguri. Ad arricchire il repertorio proposto nella serata, la performance della giovane soprano Mariarosa Sansone, che ha cantato insieme ai bambini alcuni brani, e l’esibizione di alcuni canti in vernacolo della tradizione nicastrese, accompagnati dal suono melodioso tipicamente natalizio della fisarmonica.

A conclusione della manifestazione, condotta da alcuni studenti del liceo classico “Francesco Fiorentino”, la scuola ha fatto gli auguri alla città per i cinquant’anni anche con una grande torta realizzata con materiali di riciclo. Subito dopo la manifestazione, l’inaugurazione del presepe realizzato da Nicola Nicolazzo all’ingresso laterale dell’edificio scolastico “Maggiore Perri”, caratterizzato quest’anno dalle riproduzioni di monumenti ed edifici simbolo dei tre ex Comuni di Nicastro, Sambiase e S. Eufemia.

Commenta

loading...