Conclusa con grande successo la II edizione di TeatrOltre: Festival Internazionale di Teatro in Strada · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Conclusa con grande successo la II edizione di TeatrOltre: Festival Internazionale di Teatro in Strada

mercoledì 20 settembre 2017

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – 5 giorni di spettacoli, 8 compagnie, 25 artisti, 34 spettacoli, oltre 20.000 presenze e circa 2000 studenti delle scuole primarie e secondarie coinvolti duranti gli spettacoli mattutini che hanno inaugurato l’apertura dell’anno scolastico in alcuni istituti lametini. Questi i numeri della II edizione di TeatrOltre: Festival Internazionale di Teatro in Strada declinato, quest’anno, sul tema gioioso e giocoso del “circo a cielo aperto” e inserito nell’ambito del progetto Lamezia Summertime 2017 realizzato dal Comune di Lamezia Terme in collaborazione con Arci Lamezia Terme/Vibo Valentia in qualità di partner di progetto e finanziato dalla Regione Calabria con fondi PAC.

Per 5 giorni consecutivi la città è stata invasa da una folla festante giunta da ogni parte della Calabria decretando con la propria presenza il successo della kermesse. Un trionfo registrato anche sui social media: il sito internet www.lameziasummertime.it e la pagina Facebook ufficiale dedicata al Lamezia Summertime che hanno documentato l’intera manifestazione.
>64000 visualizzazioni della pagina
>140.000 la copertura media della persone raggiunte
>25 video su TeatrOltre con 20 dirette e 27440 visualizzazioni
> oltre 1600 like per l’album di presentazione di TeatrOltre, 114000 persone raggiunte e 370 condivisioni
>7 album dedicati alle compagnie presenti con oltre 1400 like e 120000 persone raggiunte
>5 album fotografici dedicati che raccontano il festival giorno per giorno
>5 video con una sintesi degli spettacoli di ogni singola giornata
>3000 download per il programma del Festival.

Vincenti e di grande appeal le scelte artistiche del direttore Pierpaolo Bonaccurso di teatrop che ha curato l’organizzazione del Festival coadiuvato da un eccellente e instancabile gruppo di lavoro.

Un programma fitto di appuntamenti inaugurato mercoledì 13 settembre nel centro storico di Lamezia Terme dalla allegra e colorata Parata Tzigani con gli artisti trampolieri di teatrop.

Poi l’energica e strabordante performance de “La Sbrindola”. Caos, anarchia, ilarità e tecnica estrema in uno spettacolo delirante di circo contemporaneo che ha coinvolto il pubblico in numeri di equilibrismo e giocoleria condotti con perfetta e controllata maestria dall’artista acrobata Leonardo Cristiani e dal forsennato musicista Marco Macchione. Su tutti l’occhio ironico e vigile del gorilla Fabrizio.

Un grande, grandissimo cerchio di pubblico e in mezzo loro Annalusi Rapicavoli e Marco Previtera “collezionisti di emozioni, applausi e sorrisi” ovvero i “Ramingo Street Circus”. Lei, leggera come la piuma che porta tatuata sul braccio destro, si libra nelle sue danze aeree con i tessuti elastici. Lui, novello uomo vitruviano, volteggia nella Ruota Cyr rendendola docile e ubbidiente come un domatore con i suoi leoni. E ancora acrobazie a terra, giocolerie e gag in uno spettacolo divertente e sorprendente.

Risate e applausi per le guarattelle del “Teatro della Maruca” di Crotone con uno straordinario Angelo Gallo che ha saputo creare simpatici personaggi amati da piccoli e grandi: Zampalesta cane Tempesta, peloso e pasticcione e il suo padrone, il contadino Rusaru “chiddu i l’ova” eterno innamorato della bella Rosina.

Suggestivo e magico lo spettacolo di manipolazione del fuoco Il Drago Bianco di Anton “Lumi” Bonura. Fiero come un antico guerriero, su un tappeto sonoro che richiama ancestrali riti esoterici, il “maestro del fuoco” diventa creatore di forme mentre le fiamme si inchinano, mansuete, al suo passaggio. “Fuoco cammina con me!”. E il pubblico, attonito, esplode in un applauso finale liberatorio.

Ancora musica e allegria con i meravigliosi artisti trampolieri di teatrop in Visionari. Statue in parata. Una girandola di colori che anima tutto il centro storico. Ad annunciarli la trascinante musica itinerante dei Takabum, band di strumenti a fiato e percussioni che accompagna anche le favole di sabbia create dalle mani fatate di Greta Belometti nel seicentesco Chiostro di S. Domenico.

Stupore e suspense nella straordinaria performance dei due artisti tedeschi di Circus Unartiq Lisa Rinne e Andreas Bartl. Giovani, belli e bravi Lisa e Andreas raccontano la loro storia d’amore sospesi a circa 9 m. dal suolo tra potenti equilibrismi, vertiginose acrobazie e teneri gesti romantici fino all’exploit finale di lui che percorre la struttura metallica come l’Uomo Ragno e lei che, leggiadra come una farfalla, vola sul trapezio. Un connubio perfetto di tecnica e poesia.

Gran finale con lo spettacolo “Sconcerto d’amore” di Nando e Maila. Polistrumentista lui, attrice-acrobata lei. Una struttura autoportante, dove sono appesi il trapezio e i tessuti aerei, trasformata in una imprevedibile orchestra di strumenti. I pali della struttura diventano batteria, contrabbasso, violoncello, arpa e campane che unitamente a strumenti quali tromba, bombardino, fisarmonica, violino e chitarra elettrica, creano un insolito universo sonoro. Nando e Maila interpretano una coppia di artisti eternamente in disaccordo sul palcoscenico come nella vita. Inaspettatamente, ai due attori se ne aggiunge un altro, uno spettatore inconsapevole che viene coinvolto da Maila con un’acrobatica citazione da Giulietta e Romeo e con una divertente interpretazione di Adamo ed Eva. Nando cerca di riconquistare la sua bella sfoggiando la virtuosa Ciarda per violino di Vincenzo Monti e imbracciando la chitarra elettrica come un vero rocker. Così tra citazioni, battute e canzoni famose si arriva all’happy end con una chicca finale: le acrobazie di uno “scricciolo” di nome Marilù, figlia della coppia.
Pubblico in delirio e standing ovation in un Chiostro di S. Domenico gremito.

A grande richiesta, durante l’ultima giornata in programma, un laboratorio con il trapezio sospeso e con i tessuti elastici realizzato dagli artisti di Circus Unartiq e Ramingo Street Circus.

loading...