Gli studenti del Liceo “Galilei” incontrano Martino Michele Battaglia · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Gli studenti del Liceo “Galilei” incontrano Martino Michele Battaglia

martedì 6 dicembre 2016 - 11:37
Print Friendly, PDF & Email

imageLAMEZIA TERME (CATANZARO) – Venerdì 9 dicembre gli studenti del Liceo Scientifico “Galileo Galilei” incontreranno il prof. Martino Michele Battaglia, autore del libro “Amici e nemici della società aperta -Un dialogo (im)possibile tra culture” Pellegrini Editore (2012).

Dopo i saluti della Dirigente, prof.ssa Caterina Calabrese, e una breve riesamina dell’opera a cura di Giuseppe Partipilo, studente del Galilei, si passerà alla lectio dell’autore.

Martino Michele Battaglia è dottore di ricerca in ”Scienze psicologiche e antropologiche” presso il Dipartimento di “Scienze cognitive e della formazione” dell’Università degli studi di Messina, e cultore di “Filosofia Teoretica” presso la medesima università. Insegna Antropologia Culturale all’Istituto Superiore per Mediatori Linguistici di Reggio Calabria. Come autore, per Edizioni Luigi Pellegrini , ha dato alle stampe, nella collana di “Filosofia Teoretica” il libro Amici e nemici della società aperta. Un dialogo (im)possibile tra culture (2012).

Nell’opera, l’autore, partendo dall’espressione «società aperta», trae spunto da Karl Raimund Popper e dalle riflessioni del prof. Pezzimenti per impostare la sua difesa della democrazia. “Amici e nemici della società aperta” non vuole essere semplicemente un confronto tra intellettuali sul tema politico, ma il tentativo di abbozzare e proporre al lettore una suggestiva e accurata disamina della democrazia all’interno della società occidentale. Per la prof.ssa Miriam Rocca, promotrice dell’evento, “L’incontro si innesta in quel progetto etico proposto dalla scuola, finalizzato a formare cittadini consapevoli e responsabili. Il concetto di “società aperta” nasce infatti come garanzia di “diritto alla libertà”, che a sua volta implica il dovere ad essere “responsabili” perché il libero agire si traduca in bene per se stessi e per l’intera comunità.”

loading...