Ecco le assunzioni clientelari contestate alla Fondazione “Calabresi nel mondo” · LameziaClick LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Ecco le assunzioni clientelari contestate alla Fondazione “Calabresi nel mondo”

Assunzioni a parenti e amici, questo contestano i magistrati all’ex deputato Giuseppe Galati, “intenzionalmente, in disparte ed a prescindere dalle competenze professionali e dalle esigenze della Fondazione, a fini clientelari e in virtù dei soli rapporti di cointeressenza promuoveva istigava, avallava e procedeva all’assunzione di un cospicuo numero di collaboratori presso la fondazione Calabresi nel mondo”.

Galati ne simulava l’assunzione quali componenti della struttura operativa interna quando invece i collaboratori venivano destinati ai progetti come “Calabria loci”, “Calabria in work capacity”, “Calabria in work network”, “Calabria in work occupability”, ed i loro contratti finanziati con le relative risorse, così violando lo statuto che impone la selezione del personale da adibire al progetto attingendo ad apposite short list implementate con procedure ad evidenza pubblica.

Di seguito le persone che hanno goduto di tale sistema che però non risultano indagate:

Giuseppe Bianco, Saverio Brutto, Mariangela Cairo, Michelangelo Cardamone, Maria Barbara Caterina, Fiorella Ceccacci, Giuseppina Crimi, Fabio Davoli, Giovambattista De Sarro, Giandomenico Ferrise, Basilio Giordano, Santo Alessandro Maria Iannazzo, Giuseppe Marrazzo, Luigi Muraca classe 1964, Vincenzina Palmieri, Salvatore Pirelli, Agazio Praticò, Donatella Rocca, Pietro Stanizzo, Paolo Strangis, Giovanni Talarico, Pompeo Torchia, Isabella Vento, Domenico Zaffina, Francesco Giuseppe Cicione.

Commenta

loading...