Polizia Locale sequestra 120 kg di frutta e verdura ed oltre un quintale di cibo ucraino in due distinte operazioni di servizio. Una parte di merce donata in benificienza · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Polizia Locale sequestra 120 kg di frutta e verdura ed oltre un quintale di cibo ucraino in due distinte operazioni di servizio. Una parte di merce donata in benificienza

sabato 11 febbraio 2017

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – La Polizia Locale lametina, nell’ambito di servizi predisposti a tutela della concorrenza e contro l’abusivismo commerciale, nella giornata di oggi, ha sequestrato circa 1,20 quintali di frutta e verdura esposta abusivamente alla vendita in area non mercatale.

Per il commerciante è scattata altresì la sanzione amministrativa di oltre 2.532,00 euro per la violazione commessa.

La merce previo certificato di commestibilità rilasciato dal competente servizio S.I.A.N. dell’A.S.P., che la ha ritenuta idonea al consumo umano, è stata donata in beneficenza alla Caritas cittadina.

Il sequestro di oggi fa il paio con analoga attività di Polizia Commerciale-Annonaria, a tutela della salute pubblica, posta in essere nei giorni scorsi, allorquando, personale del Corpo, diretto dal Dirigente, dopo una serie di servizi mirati, ha bloccato, in pieno centro cittadino un veicolo ucraino, che trasportava prodotti alimentari provenienti dall’ex paese sovietico; nella fattispecie la merce, circa un quintale, è stata sottoposta a sequestro perché priva dell’etichettatura e dei certificati di provenienza in lingua italiana

Nel corso dell’attività anche il veicolo utilizzato (un Mercedes Vito 7 posti) è stato sottoposto a fermo amministrativo perché adibito ad uso diverso da quello risultante dall’immatricolazione.

Ulteriori approfondimenti hanno infatti consentito di accertare che il veicolo, immatricolato per trasporto di persone, veniva abusivamente destinato ad trasporto di cose da e per l’Ucraina. Quattromila circa, gli euro di sanzione inflitti nella fattispecie ai cittadini ucraini, oltre il fermo amministrativo del veicolo, come già detto, con contestuale ritiro della carta di circolazione.

 

loading...