‘Ndrangheta, le mani delle cosche su Fondi Ue: indagati politici, imprenditori e amministratori pubblici – VIDEO · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

‘Ndrangheta, le mani delle cosche su Fondi Ue: indagati politici, imprenditori e amministratori pubblici – VIDEO

giovedì 2 febbraio 2017

Dalle prime ore di questa mattina il Ros, unitamente al Comando Provinciale Carabinieri di Catanzaro e al Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Vibo Valentia, sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia di Catanzaro, nei confronti di 9 indagati per minaccia ed estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d’asta ed abuso d’ufficio.

Il provvedimento riguarda esponenti politici, imprenditori e amministratori pubblici della Regione Calabria, nonchè 2 soggetti contigui alla cosca Mancuso di Limbadi (VV).

Le indagini hanno documentato l’ingerenza mafiosa della potente cosca ‘ndranghetista dei Mancuso nella gestione dei fondi della Comunità Europea diretti al sostegno economico di nuclei familiari in difficoltà.

In manette sono finiti Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Giunta regionale di centrodestra guidata da Giuseppe Scopelliti, oggi consigliere di opposizione, il suo storico collaboratore, Claudio Isola, l’ex dirigente regionale, Vincenzo Caserta, l’ex presidente di Calabria Etica, Pasqualino Ruberto, l’imprenditore vibonese Gianfranco Ferrante, il funzionario della sede vibonese di Equitalia Vincenzo Spasari di Nicotera e due uomini considerati espressione del potente clan Mancuso di Limbadi, attivo nel Vibonese.

In particolare, l’attivitá ha accertato l’esistenza di un comitato d’affari che distraeva i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale “credito sociale”, indirizzandoli su conti correnti di societá private, anche all’estero,

È in corso di esecuzione un decreto di sequestro preventivo di beni per un valore di circa 2 milioni di euro.

I particolari dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrá alle ore 11 odierne, presso la Procura della Repubblica di Catanzaro.

loading...