Arrestati due coniugi lametini per rapina a mano armata e sequestro di persona a scopo di estorsione · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Arrestati due coniugi lametini per rapina a mano armata e sequestro di persona a scopo di estorsione

venerdì 22 luglio 2016 - 13:06
Print Friendly, PDF & Email

carabinieri-arresto11.jpgLAMEZIA TERME (CATANZARO) – I Carabinieri dell’Aliquota Operativa del N.O.R. di Lamezia Terme, nella giornata di ieri hanno provveduto ad eseguire, un’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme nei confronti di Cunzolo Michelangelo Gabriele, 52 anni e Antonella De Vita, 46 anni, marito e moglie, poiché ritenuti responsabili, in concorso, della rapina a mano armata nonché del sequestro di persona perpetrata lo scorso 12 gennaio nei confronti di un noto Avvocato lametino, nelle cui fasi veniva derubato e, sotto minaccia, obbligato a firmare contro la propria volontà la cessione del terreno già appartenuto ai due coniugi.

L’immediata e incessante attività investigativa, scaturita dalla denuncia della vittima che trovava il coraggio di rivolgersi alle Forze dell’Ordine, svolta dai militari operanti mediante attività di escussioni testimoniali, acquisizioni documenti, immagini e video, nonché attività di tipo tecnico, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Lamezia Terme nella persona del Sostituto Dott. Luigi MAFFIA, permetteva di appurare che i coniugi di cui sopra, si erano resi responsabili della rapina a mano armata nonché del sequestro di persona in danno di C.S., avvocato, il quale dopo numerosi tentativi di addivenire all’impossessamento delle chiavi dell’anzidetta proprietà, veniva attirato con l’inganno nei terreni in uso ai predetti, successivamente immobilizzato, legato con delle fascette, derubato della somma di euro 350,00 nonché della propria documentazione personale.

La stessa vittima, tenuto sotto costante minaccia di morte compiuta con una pistola semiautomatica, veniva obbligato a sottoscrivere un contratto preliminare di vendita – a favore dei due – dei terreni in questione che, già nel 2015, erano stata acquistati formalmente dal legale in un’asta giudiziaria. Nella fase della segregazione, protrattasi per circa tre ore all’interno di un cella frigorifera spenta di un capannone, momento in cui la vittima trovava anche la forza di scrivere il proprio nome e cognome con mezzi di fortuna, marito e moglie provvedevano tranquillamente alla registrazione della illecita scrittura presso l’agenzia delle entrate di Lamezia Terme. A seguito dell’emissione della misura cautelare i due rei venivano rintracciati in questo centro, tratti in arresto, e successivamente tradotti rispettivamente presso le case circondariale di Catanzaro-Siano e Castrovillari, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

loading...