“Focus ‘Ndrangheta”, ancora sequestri e denunce della Polizia di Stato · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

“Focus ‘Ndrangheta”, ancora sequestri e denunce della Polizia di Stato

venerdì 15 aprile 2016

PoliziaCATANZARO – L’attività di controllo del territorio coordinata dal Questore Racca di Catanzaro, nell’ambito del programma denominato “Focus Ndrangheta”, unitamente alle altre forze dell’ordine, ha fatto registrare risultati soddisfacenti, sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica, nel territorio cittadino e provinciale.
Nel corso della settimana  le attività svolte hanno riguardato principalmente specifici controlli presso attività di autodemolizione  e attività di raccolta di materiale ferroso, oltre a numerosi posti di controllo nel corso dei quali sono state identificate oltre quattrocento persone e controllati circa duecentocinquanta autoveicoli.

Il servizio di polizia si è svolto in prevalenza nella zona SUD della  città,  con l’ impiego di vari reparti specializzati della Questura, del Reparto Prevenzione Crimine di Vibo Valentia,  del Compartimento della Polizia Stradale , congiuntamente ad equipaggi  dell’Arma dei Carabinieri, del Nucleo Operativo Ambientale Carabinieri (N.O.E.) e del Corpo Forestale dello Stato. Sono intervenuti anche le unità cinofile della Polizia di Stato,  l’elicottero del Reparto Volo ed il gruppo degli artificieri della Polizia di Stato.

Una società di autodemolizioni, per la quale sono stati rilevati i reati di gestione illecita di rifiuti speciali, raccolta e trasporto illecito di rifiuti e gettito pericoloso di cose, è stata sottoposta a sequestro ed i due titolari,  P.L. cl.1951 e P.S. cl. 1960,   stati denunciati all’Autorità Giudiziaria, in quanto  ritenuti responsabili di violazioni al Codice dell’Ambiente (D.lgvo 152/2006) e di quanto previsto all’art. 674 del codice penale (getto pericoloso di cose).

In un’altra società  di attività di raccolta di materiale ferroso, sono state rilevate violazioni di norma a tutela degli infortuni sul lavoro e inosservanza di  prescrizioni contenute nell’Autorizzazione Unica Ambientale.  Due le persone  ritenute responsabili di tali reati, S.C. cl. 1986 e S.R. cl. 1988, entrambe segnalate all’Autorità Giudiziaria.

Nel corso della stessa attività di prevenzione sono state eseguite numerose perquisizioni  e  sono stati controllati  quaranta  soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale, presso le rispettive abitazioni.

Altre attività hanno riguardato numerosi esercizi commerciali, in uno dei quali a seguito di perquisizione, il proprietario Gagliardi Salvatore, cl. 1960, con pregiudizi di polizia, è stato denunciato  all’Autorità Giudiziaria per violazione della normativa in materia di armi.

Inoltre l’Ufficio Misure di Prevenzione della Divisione Anticrimine della Questura, ha deferito all’Autorità Giudiziaria otto Sorvegliati Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno nei rispettivi comuni di residenza, per inottemperanza dell’ordine di deposito della cauzione impostogli dal Tribunale di Catanzaro. Per tale reato la norma, D.Lgvo 159/2011, prevede la pena dell’arresto da sei mesi a due anni.

loading...