Feroleto, minacciano operatori di centro di accoglienza “Gianal”, arrestate tre persone · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Feroleto, minacciano operatori di centro di accoglienza “Gianal”, arrestate tre persone

mercoledì 11 novembre 2015

carabinieri-arresto[1]FEROLETO ANTICO (CZ) – Nel corso di un normale servizio di controllo del territorio i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Lamezia Terme, hanno tratto in arresto rispettivamente COULIBALY Lassine, 22 anni, KEBBA Cham, 21 anni, e OWIE Fredrick, 23 anni, tutti con l’accusa di tentata estorsione aggravata in concorso.  L’attività è nata a seguito della richiesta di ausilio effettuata all’utenza 112 della Centrale Operativa del Comando Compagnia, nel corso della quale veniva richiesto l’intervento presso il centro di accoglienza di Feroleto Antico denominato “Gianal” dove per colpa di alcuni ospiti della struttura era scoppiata una protesta.

Intervenuti sul posto, i militari sono riusciti ad accertare come i 3 soggetti, con atteggiamento violento e minaccioso, avevano accerchiato gli uffici con all’interno gli operatori esigendo con minacce ed intimidazioni la consegna di una somma in denaro, peraltro non dovuto in alcun modo. Approfittando di un momento di distrazione, considerata la gravità dei fatti, i militari sono riusciti ad irrompere nella struttura, tranquillizzare gli animi ai lavori del Centro, ed isolare e portare in caserma immediatamente quei 3 che, con il loro atteggiamento, avevano cercato di aizzare e di portare allo scontro anche gli altri ospiti presenti all’interno dello stesso centro.

Soltanto il dialogo e la mediazione dei Carabinieri hanno consentito di tranquillizzare definitivamente gli animi e rasserenare gli altri ospiti che hanno apprezzato l’azione pacata e calma di tutti gli operatori intervenuti, anche della Polizia di Stato intervenuta prontamente in ausilio. Per tali ragioni, accertate le responsabilità e i gravi indizi di colpevolezza attribuibili ai soggetti fermati, i militari hanno proceduto a dichiarare tutti in stato di arresto traducendoli successivamente presso le Casa Circondariale di Catanzaro a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

loading...