Avevano rapinato ristoratore sul lungomare di Gizzeria, due arresti · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Avevano rapinato ristoratore sul lungomare di Gizzeria, due arresti

martedì 1 luglio 2014

rapina_lungomareLAMEZIA TERME (CZ) – Nel corso dello scorso fine settimana i Carabinieri della stazione di Gizzeria Lido hanno proceduto al fermo di due giovani, Borelli Salvatore, 27 anni, soggetto già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti, e R. G., 19 anni.
Nella serata di sabato intorno alle ore 01.30, i due si sono avvicinati ad un noto ristoratore della zona, D.P. A., 47 anni, che in quel momento si trovava a passeggiare sul lungomare Cristoforo Colombo di Gizzeria intento a parlare al cellulare. Dopo averlo afferrato con forza da dietro, procurandogli peraltro lesioni al collo, i due gli hanno rubato il cellulare, l’orologio da polso e la somma di 700 euro. Nella circostanza dopo aver minacciato il commerciante di morte qualora si fosse rivolto alle forze di polizia, i due si sono dileguati a piedi per le vie limitrofe. Dopo alcune ore, la vittima, ancora scosso dalla inaudita violenta azione dei due aggressori, ha trovato la forza di rivolgersi alle forze dell’ordine, i quali dalla descrizione fornita e dalla profonda conoscenza dei personaggi di interesse operativo unitamente all’ausilio di alcuni impianti di videosorveglianza della zona che confermavano la bontà delle ipotesi degli investigatori, sono riusciti a risalire ai due soggetti che poche ore dopo sono stati rintracciati e posti in stato di fermo.

Nel corso delle perquisizioni sono stati inoltre rinvenuti il cellulare, l’orologio da polso e la somma di 480 euro circa. Su disposizione della competente Autorità Giudiziaria dunque il Borelli è stato tradotto in carcere mentre l’altro rapinatore è stato  momentaneamente sottoposto al regime degli arresti domiciliari. In data odierna a seguito dell’udienza, il fermo non è stato convalidato ma per i gravi indizi di colpevolezza riscontrati ai danni dei due ragazzi, entrambi sono stati ristretti agli arresti domiciliari. Tutta la refurtiva è stata restituita alla vittima.

 

 

loading...