Corpus Domini: 200 nuovi ministri straordinari dell’Eucaristia istituiti dal Vescovo Cantafora · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Corpus Domini: 200 nuovi ministri straordinari dell’Eucaristia istituiti dal Vescovo Cantafora

venerdì 5 giugno 2015

FotoCorpusLAMEZIA TERME (CZ) – 200 nuovi ministri straordinari dell’Eucaristia sono stati istituiti dal Vescovo di Lamezia Terme Mons. Luigi Cantafora nel corso della concelebrazione eucaristica della solennità del Corpus Domini. Grande partecipazione da parte delle parrocchie, dei movimenti ecclesiali e dei singoli fedeli alla funzione liturgica in Cattedrale e poi alla processione che si è conclusa nel piazzale di S. Antonio di Padova: il corpo e sangue di Cristo, venerato dalla Chiesa nel Santissimo Sacramento, è stato portato per le strade di Lamezia per aprire i cuori delle persone alla fede e alla speranza, per ricordare a tutti il grande mistero di Amore di un Dio che si è offerto per la salvezza dell’uomo e rimane con noi tutti i giorni, fino alla fine del mondo.
“Ciò che celebriamo” è antico quanto il cristianesimo, e “costituisce il più grande dei miracoli”, ha detto il Vescovo Mons. Luigi Cantafora al termine della processione: “anche noi cristiani siamo poveri uomini, piccoli come dei chicchi di grano, ma nel cuore abita la certezza che l’amore di Dio è la vittoria che vince la morte, la violenza, il dolore. Professare questa fede significa seminare nella storia, l’unità e la pace, il perdono e la giustizia, l’amore e la solidarietà. Passare per le vie di questa città, significa aver abbracciato la vita che in esse si svolge. E mentre camminiamo, il Signore ci introduce nella vita vera. Allora come il pane e il vino vengono trasformati nel Corpo e Sangue del Signore, così anche la nostra vita, con le sue gioie e i suoi dolori, rinasce a una speranza nuova, a una speranza certa, a una speranza affidabile.”

Fotocorpus2Nell’omelia, il presule si è soffermato sul valore dell’adorazione eucaristica e sulla centralità nella vita del cristiano della Santa Messa, per cui “non è corretto dire che “andiamo a sentirci la messa”, come se andassimo a teatro o a “prenderci la comunione”, come si prende un caffè. Quando “partecipiamo alla Messa”, noi partecipiamo al mistero di Cristo che è dono d’amore per noi. Nell’Eucaristia ci nutriamo del corpo e del sangue di Gesù nelle specie del pane e del vino.”

FotoMessaRivolgendosi ai nuovi ministri straordinari della Comunione, il vescovo Cantafora li ha esortati a essere “uomini e donne nostri fratelli che si impegnano ad essere testimoni dell’Eucaristia, ad essere “cristofori”, portatori di Cristo a coloro che soffrono” invitando a pregare per loro “perché nutrendosi dell’Eucaristia e nell’adorazione di tale mistero giungano a donare la loro vita, il loro tempo, la loro disponibilità per gli altri e per il bene della Chiesa.”

Vescovofine2Il Vescovo di Lamezia ha fatto riferimento al tema del pane “una questione sociale di importanza e urgenza mondiale” che “rischia diventare un tema da vetrina, se non ci lasciamo scomodare dai bisogni reali dell’umanità. Abbiamo bisogno della parola di Dio che ci istruisca su come rapportarci con il pane affinché sia davvero nutriente, per sé e per tutti. Possiamo ampliare lo sguardo e giungere a dire che dobbiamo imparare a mangiare il pane dentro le nostre stesse parole umane, perché il pane che sazia è quello condiviso nella bellezza delle relazioni, rese possibili da parole vere, giuste, miti, ospitali”

loading...