Nella Chiesa di San Francesco di Paola, insieme le reliquie dell’Alluce e dell’Indice · LameziaClick

LameziaClick Quotidiano Online | Notizie in tempo reale | Cronaca, news, notizie, sport, inchieste, politica, economia, da Lamezia Terme, dal lametino, dalla Calabria

Nella Chiesa di San Francesco di Paola, insieme le reliquie dell’Alluce e dell’Indice

lunedì 16 marzo 2015

alluce_indice_sanfrancescoLAMEZIA TERME (CZ) – Sabato scorso nella Chiesa di San Francesco di Paola di Lamezia Terme si è svolta la manifestazione “San Francesco di Paola si racconta”. E’ stato un evento emozionante, straordinario e unico, mai fatto in Calabria, se pensiamo che abbiamo riunito con le reliquie dell’alluce e dell’indice lo stesso San Francesco di Paola dall’anno 1562 in cui il suo Corpo che si trovava a Tour dove era stato seppellito dopo la sua morte, è stato bruciato dagli Ugonotti nel corso delle guerre di religione, per recare oltraggio all’Ordine dei Minimi da lui fondato. Questo ha riempito di responsabilità tutti i presenti, perché San Francesco di Paola, dopo quasi 500 anni ci ha scelto per mettere insieme, se stesso. Per la reliquia dell’Alluce di Oriolo è stata la prima volta che ha lasciato la Chiesa in cui è custodita. Un atto notarile del 1864 attesta la donazione alla chiesa locale. L’incontro è iniziato alle 09.30 con un momento di preghiera e di riflessione.

L’incontro ha avuto come protagonisti i ragazzi degli Istituti Comprensivi Nicotera-Costabile e Borrello-Fiorentino, che per l’occasione hanno preparato un recital “Dialogo con San Francesco di Paola” attraverso il quale hanno rappresentato episodi della vita di San Francesco. Di questo evento e di quello che è stato raccontato da coloro che sono intervenuti, dal nostro Vescovo, Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Luigi Antonio Cantafora, dal Mastroianni Antonio Domenico, in qualità di Presidente dell’Associazione Lamezia Freedom ONLUS, da Padre Antonio Casciaro dell’Ordine dei Minimi, parroco della chiesa San Francesco di Paola di Lamezia Terme dove si trova la Reliquia dell’Indice, da Don Nicola De Luca, parroco della chiesa di San Giorgio Martire di Oriolo Calabro (CS) dove è custodita la reliquia dell’ Alluce, dai i ragazzi delle scuole, dalle professoresse Ivana Giannini, Angela Famularo ed Enza Mamertino che si sono prodigate per l’ottima riuscita del recital, e dai dirigenti scolastici Benincasa e Bilotti, ne parleranno i muti e ci ascolteranno i sordi.

“A tutti vanno i nostri più sentiti ringraziamenti. San Francesco di Paola ci ha insegnato a costruire costantemente e quotidianamente nei nostri cuori la chiesa di Nostro Signore nella consapevolezza che è il luogo dove andare per trovare l’amico più caro: Gesù. Dobbiamo allargare ogni giorno i nostri confini, fino ad arrivare alla CARITA’ più alta e accogliere l’altro con UMILTA’. Dobbiamo imparare a donarci nella nostra vita, se vogliamo cambiare le cose, dobbiamo portare la nostra goccia di acqua affinché ognuno di noi faccia la propria parte, per costruire il bene comune e promuovere sempre la giustizia sociale. In questo periodo di quaresima non dobbiamo dimenticare di riconciliarci con Dio.

Con questo evento abbiamo dimostrato che le gesta indelebili della vita del Santo Paolano sono attuali e anche se sono strascorsi quasi 600 anni dalla sua nascita avvenuta il 27 marzo 1416, di cui nel 2016 riccorre l’anniversario, ci dimostrano, con l’Alluce il suo incessante cammino di fede verso la ricerca costante di Dio e con l’Indice, la strada, per scegliere non solo bene ma soprattutto Il Bene. Le reliquie sono e rappresentano il ponte che ci porta ad un passo dal cielo, fino a incontrare l’amore di Dio, solo però se viviamo con la Carità e con l’amore verso il nostro prossimo. A concludere l’incontro è stata la banda musicale dell’Istituto Nicotera-Costabile che ha eseguito in modo impeccabile delle musiche stupende. Grazie a tutti i ragazzi di vero cuore. Oggi abbiamo compreso ancora di più la frase di San Francesco di Paola che: A chi ama Dio nulla è impossibile”.

loading...